Pescheria del Porto: Vivi Senigallia, 'Esempio di buon utilizzo del fondi europei'

15/03/2015 - Domenica 15 marzo a Senigallia si è inaugurata la Pescheria del Porto, un nuovo spazio dedicato alla vendita dei prodotti ittici e agroalimentari che abbellisce la nostra città e promuove un’economia locale e sostenibile.

Questa opera è un esempio di buon utilizzo dei fondi europei a beneficio della nostra città. Il progetto è stato interamente finanziato dal Fondo Europeo per la Pesca (Programma 2007-2013) a seguito della costituzione del G.A.C. (Gruppo di Azione Costiera Marche Nord) con lo scopo di promuovere, nel territorio dei Comuni di Fano, Mondolfo (Marotta) e Senigallia, azioni di sviluppo sostenibile, finalizzate al miglioramento della qualità della vita, in relazione alle specifiche esigenze territoriali.

La lista Vivi Senigallia ritiene di importanza strategica il potenziamento dell’utilizzo dei fondi strutturali europei al fine di portare un miglioramento alla città in diversi ambiti d’interesse comune, ma anche offrire un servizio formativo/informativo ad imprese e cittadini che vogliono accedere ai fondi. È un fatto risaputo che l’Italia non utilizza interamente la propria fetta degli ingenti fondi che l’Europa mette a disposizione dei Paesi membri, e Senigallia, pur non essendo l’ultima nella classifica del mancato impiego di queste risorse, potrà certamente far meglio, anche in prospettiva di “crescita blu" ovvero crescita innovativa delle attività legate al mare nell'economia blu, come anche previsto nella strategia macroregionale adriatico ionica.

L’intercettazione dei fondi strutturali europei sarà quindi una priorità del prossimo mandato elettorale. Per questo sarà fondamentale valorizzare l’Ufficio SAPE, il Servizio Associato Politiche Europee che riunisce i comuni di Senigallia, Jesi, Fabriano e Ancona e la Provincia stessa, con l’obiettivo di riduzione di spesa, efficienza, efficacia ed economicità, ma anche di miglioramento delle possibilità di fornire servizi qualificati ed innovativi attraverso la progettazione europea. Grazie ai finanziamenti europei (programmazione europea 2014-2020) infatti, verrà messo a disposizione dei territori regionali un notevole pacchetto di risorse su tematiche legate all’innovazione, alle nuove tecnologie, all’energia, al clima ed all'ambiente, alla mobilità sostenibile, alla cultura, al turismo: un’occasione di sviluppo che Senigallia non perderà.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2015 alle 22:11 sul giornale del 16 marzo 2015 - 1672 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivi senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agMN


Commento modificato il 16 marzo 2015

Le proposte che ho fatto a suo tempo ( Metropolitana Adriatica, riapertura della Ferrovia Fano-Urbino, nuovo percorso del raddoppio della Falconara-Orte usufruendo dei collegamenti dell'alta velocità tra gli scali aerei del Sanzio con quello di Perugia e l'ultimo con una funivia urbana che partendo dal centro ospedaliero di Torrette arriva alla Baraccola passando per il centro di Ancona)"Pendolari in volo" sono tutti finanziabili dal programma europeo Horizon 2020 che mette a disposizione degli Stati Europei ben 737 miliardi di euro. Sarebbe stupido, a mio modesto parere, non approfittare dell'occasione per riuscire a finanziarne alcuni.
Leonardo Maria Conti




logoEV