Senigallia sempre più città dog friendly, al via il progetto per favorire il turismo cinofilo

13/03/2015 - Si chiama "In vacanza con Pluto" ed è un progetto unico in Italia che farà di Senigallia il primo laboratorio nazionale del turismo cinofilo d'avanguardia.

È questo il frutto della proficua collaborazione tra il Comune e l'associazione senigalliese "I Sguinzagliati" presieduta da Francesco Mazzaferri per rendere la città sempre più dog friendly. Il progetto, che si rivolge ad alberghi, ristoranti, bar e stabilimenti balneari, prenderà il via da subito, in vista della stagione turistica 2015. L'obiettivo è sviluppare un modello di accoglienza che includa anche il cane. Oltre a un'ampia campagna di sensibilizzazione, "In vacanza con Pluto" prevede la distribuzione alle attività che ne faranno richiesta di un kit d'accoglienza per alberghi e hotel contenenti salviette, sacchetti igienici, una piccola sporta e una pallina da gioco.

Per i bar, invece, è prevista la fornitura di apposite ciotole dove far bere l'animale; mentre i ristoranti saranno dotati di una innovativa doggy bag, dove riporre gli eventuali avanzi del pranzo o della cena, che una volta pulita diventa una comoda ciotola per acqua e cibo. Le attività economiche aderenti potranno fregiarsi del marchio di qualità dell'accoglienza dog friendly che verrà assegnato dall'associazione in base all'apposito disciplinare "Locale Sguinzagliato".

"Oggi - afferma il sindaco Mangialardi - il turismo cinofilo è in forte crescita in Italia e all'estero. Dunque, una città come Senigallia non può trascurare questo aspetto e deve porre le condizioni per generare un incremento di visitatori che, in altre realtà turistiche, trovano difficoltà a muoversi con i propri animali al seguito. Siamo dunque molto orgogliosi di questo progetto perché, come al solito, non rappresenta un'iniziativa spot, ma una best practice che si inserisce in una visione più ampia. Ricordo, infatti, che Senigallia ha già due spiagge attrezzate per ricevere i turisti con i loro cani e che tutti gli operatori hanno facoltà di attrezzarsi per adeguare le loro strutture per l'ingresso degli animali in spiaggia".

Ma altre iniziative sono già in cantiere, a partire dai progetti rivolti ai bambini delle scuole primarie e ai loro genitori per la promozione della cultura cinofila e la prevenzione dell'abbandono. "Per una città davvero amica dei cani e più in generale degli animali - sottolinea l'assessore Gennaro Campanile - è necessario diffondere la cultura del rispetto verso gli animali, la loro conoscenza e, soprattutto, la consapevolezza di ciò che comporta l'adozione responsabile di un animale domestico".







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2015 alle 14:49 sul giornale del 14 marzo 2015 - 2139 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agHB


Luigi Alberto Weiss

13 marzo, 19:08
Ma noi cittadini dobbiamo sopportare anche queste menate? La teoria del "turismo cinofilo", battute a parte, è l'ultima allucinazione che mancava. Consiglieri comunali, associazioni di categoria (vere!), operatori turistici cosa ne pensano?

Non e' perche' io ho un cane ma se non vogliamo essere indietro come le "palle dei cani" era da mo' che doveva esserci questo tipo di turismo e' in forte crescita.le altre localita' balneari come noi sono piu' avanti cio' non toglie che questo e' solo un granello di sabbia nel mare.

zaki auas

14 marzo, 10:39
Basta fare una passeggita a fianco dei portici lungo il misa per vedere che Senigallia ha una EVACUAZIONE(non vocazione)canina.
A Montignano Via dei Patrioti (DAVANTI ALLA SCUOLA ELEMENTARE)è praticamente un cesso canino.
Ben vengano i cani, ma quelli a 4 zampe, pechè di cani a 2 ne abbiamo già troppi.

Un buon progetto purché non rimanga recluso solo sulla carta, ma che contrasta con il divieto d’accesso dei cani ancora presente all’ingresso del cimitero. La campagna di sensibilizzazione dovrà essere accompagnata anche da un forte richiamo al rispetto di tutti gli oneri che la legge impone ai proprietari di cani ed in particolare occorre ribadire che lasciare gli escrementi in strada, oltre ad essere un indice d’inciviltà, la legge punisce con multe salate i trasgressori. Troppo spesso, infatti, ci dobbiamo lamentare per come i nostri marciapiedi siano pieni di escrementi per colpa di quei proprietari maleducati e non rispettosi delle più elementari norme di convivenza civile oltre a quella di legge. Spero che questa iniziativa possa cambiare questa brutta abitudine.

Turisti! Accorrete numerosi.

Se Senigallia non sarà come ve l'aspettate non vi preoccupate, lasciate che i vostri giocattoli a quattro zampe facciano i bisogni sui marciapiedi, malgrado a 10 metri ci sia la sabbia della spiaggia.

I vigili non vi disturberanno di sicuro...

zaini

15 marzo, 12:11
L'iniziativa è lodevole ma se si vuole veramente una città "dog friendly" servirebbero delle aree gratuite sia in spiaggia che fuori. Non mi spiego perchè per portare il cane in spiaggia bisogna andare per forza a pagamento,infatti se si va in spiaggia libera si rischia una multa fino a 1.000€, l'ultima cosa è possibile che una frazione come Marzocca non si riesca a trovare un'area per i cani? E' assurdo.