Tumulazioni a rischio, mancano i soldi per la benzina e gli operai

Cimitero 11/03/2015 - Bloccate le tumulazioni. A seguito dei problemi tra la ditta appaltante che ha vinto la gara con il 46% di ribasso e gli operai assunti con contratto di lavoro subordinato part-time, alcuni cittadini si sono trovati fuori dai cimiteri cittadini con le bare dei cari estinti.

Infatti, secondo quanto spiegato dagli operai, mancano soldi per la benzina dei mezzi e questo impedisce loro di raggiungere i cimiteri di Montignano e Roncitelli per svolgere il loro lavoro. Non solo. La ditta non pagherebbe gli stipendi degli operai.

Il Comune, che il 15 gennaio ha saldato agli operai le due mensilità arretrate (non avevano ricevuto lo stipendio di ottobre, novembre e dicembre poi prima di Natale la ditta ha provveduto a saldare una mensilità omettendo le altre), per provvedere alle tumulazioni dei parenti di quanti nei giorni scorsi sono rimasti in attesa fuori dai cimiteri cittadini ha reperito altro personale che, con gli uomini delle onoranze funebri, ha dato degna sepoltura ai defunti.

Tuttavia la situazione, che a quanto si apprende si protrae da un po’, deve essere risolta quanto prima. Ma, accusano gli operai, nonostante le lettere inviate nessuno ha preso provvedimenti. Intanto della situazione si sta occupando il sindacato Usi.





Questo è un articolo pubblicato il 11-03-2015 alle 13:08 sul giornale del 12 marzo 2015 - 1718 letture

In questo articolo si parla di attualità, cimitero, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agAs


Con il 46% di ribasso mi chiedo come abbiano fatto a vincere e come prevedevano di mantenere in buone condizioni il servizio.
Per caso pagavano la gente a panini?
Ah no, non la pagavano proprio....

Ma io dico, è possibile ancora che in Italia si vada avanti con la storia degli appalti al ribasso? Gli appalti devono essere assegnati ad un prezzo equo alla ditta che per quel prezzo può farti il lavoro migliore e con le garanzie di un giusto trattamento per i lavoratori, ditte con comprovata esperienza e serietà. Con gli appalti al ribasso i lavori li prendono le ditte che non sono in grado di farli, che spesso non li hanno mai fatti e che tengono alla fame i loro operai, ditte inesistenti che nascono solo per fare quella gara d'appalto, mentre poi le ditte serie, oneste e che lavorano bene sono costrette a fallire perché non prendono appalti. Questo sistema schifoso è un sistema mafioso, che permette di sperperare i soldi dei contribuenti in lavori malfatti e di arricchire le casse della malavita.

asterix

12 marzo, 16:26
La responsabilità politica di quanto accaduto risale in ogni caso all'Amministrazione comunale di Senigallia. Sindaco ed assessore competente in materia di servizi cimiteriali. Ma a Senigallia la politica tace ormai da tempi immemorabili.