M5S: troppi grilli nel Bene Comune di Sartini

Simpatizzanti M5S Meetup Senigallia 09/03/2015 - Il giorno 07-03-2015 tre membri del nostro gruppo Simpatizzanti M5S Senigallia si sono recati presso il circolo del Borgo Mulino di Senigallia per assistere alla conferenza stampa per la presentazione del nuovo candidato Sindaco Giorgio Sartini della lista Senigallia Bene Comune.

La nostra visita è stata spinta dalla curiosità di ascoltare le parole di una persona che avevamo conosciuto piuttosto bene in passato perché membro attivo del movimento 5 stelle locale e regionale fino a poco tempo fa. Durante la conferenza stampa gli abbiamo rivolto alcune domande che riguardavano la sua recente partecipazione attiva al M5S locale, partecipazione che lo ha visto attivista iscritto ad entrambi i meetup a “logo unito”, che lo ha visto e lo vede tuttora iscritto alla piattaforma nazionale di Beppe Grillo, e che lo ha visto persino partecipare alle “regionalie” come candidato consigliere alla regione Marche per il movimento 5 stelle poche settimane fa. Alla nostra domanda sul perché avesse poi deciso in modo così repentino di scegliere di candidarsi sindaco con un’altra lista, Sartini ci ha risposto di “aver abbandonato il M5S Senigallia per divergenze e dissapori interni” al gruppo.

Beh! Che ci fossero state in passato divergenze e dissapori interni al M5S locale non è certo un mistero ma attenzione ai tempi! E’ indubbio che dopo la primissima scissione del meetup “Senigallia 5 stelle” dal “meetup movimento 5 stelle Senigallia”, l’allora e attuale organizer del “meetup movimento 5 stelle Senigallia” Tony De Vitto invalidò arbitrariamente, nell’agosto del 2014, una riunione regolare tenuta dai sottoscritti costringendoci a fuoriuscire per confluire nell’attuale gruppo “Simpatizzanti”. Insomma fatti che risalgono a quasi un anno fa, un periodo di tempo che ha permesso nel frattempo al sig. Sartini di prendere posizione appoggiando i due meetup a “logo unito” nel discredito del nostro gruppo (notate che fino alla mattina della conferenza stampa Sartini risultava ancora iscritto al MU “Senigallia 5 Stelle”, ovviamente in serata l’iscrizione è stata annullata) e che gli ha permesso altresì di partecipare comodamente alle “regionalie” M5S poche settimane fa. Dopodiché ha deciso di abbandonare il M5S Senigallia per i famosi dissapori di poco meno di un anno fa, senza nemmeno attendere l'eventuale certificazione di uno dei meetup locali. Singolare no?

Peccato che Sartini non abbia avuto la curiosità di conoscere meglio il nostro gruppo. Se solo avesse saputo della nostra proposta inviata al Comune di Senigallia per perorare la riperimetrazione della zona esondabile impropriamente ridimensionata nel 2006, avrebbe potuto magari appoggiarla. Visto il ruolo di presidente del Comitato Alluvionati di Senigallia che ricopre e visto anche che il suo motto è proprio il “Bene Comune”. Pazienza. Noi rimaniamo sempre disponibili a collaborare per portare avanti questa e tante altre cause che riteniamo giuste per questa città! Prima del termine della conferenza stampa abbiamo infine chiesto al sig. Sartini se avesse partecipato alla stesura del programma elettorale del meetup a “logo unito” che ha come capolista Anna Borrelli. Sartini ci ha risposto con un deciso no. Speriamo proprio che sia così anche se siamo certi che perlomeno uno scambio fra i due gruppi sui contenuti del programma elettorale ci sia sicuramente stato. Questo per noi rappresenterebbe un gravissimo atto di superficialità nei confronti di un argomento vitale. Il programma elettorale è la visione del futuro di un movimento e non può essere considerato una merce di scambio fra liste contrapposte.

Ci ha colpito oltremodo un commento di un lettore di VivereSenigallia all’articolo di presentazione della lista di Sartini in cui dichiarava molte similitudini del programma di Senigallia Bene Comune con quello della lista di Liverani. Attendiamo allora di sapere quale sarà il programma elettorale del meetup a “logo unito”. Chissà che anche qui non ci sia una convergenza dei punti programmatici con quelli delle altre due liste. Che allegra ammucchiata sarebbe eh? Per concludere, questa conferenza stampa non ci ha affatto convinto. Purtroppo anche Sartini ha evidenziato l’utilizzo della tecnica politica del Parassitismo, in cui un Organismo, il Parassita, SFRUTTA le idee e gli argomenti di altro un gruppo, l'OSPITE, e trae vantaggio da esso causando un danno all'OSPITE. Questa tecnica viene proprio utilizzata da personaggi che al centro dell'attività politica non mettono le idee ma la propria ambizione e il tutto a discapito del gruppo che li accoglie. Ma lasciateci spendere poche parole anche nei confronti dell’OSPITE.

Come è stato possibile che il meetup a “logo unito” che tanto sbandiera gli ideali del M5S abbia potuto accogliere nelle sue fila personaggi che al primo soffio contrario di vento hanno cambiato bandiera, oppure personaggi che hanno ricoperto ruoli amministrativi importanti in passato sotto altri partiti? Come è possibile che raccolga al suo interno anime fra loro così contrapposte unite (non tutte speriamo) soltanto dal desiderio di ottenere visibilità o di gettare discredito nei nostri confronti? Questo non è il Movimento 5 Stelle, questa è una brodaglia maleodorante, un’armata Brancaleone allo sbando. Il MoVimento è una visione del mondo diversa, è un cambio radicale col passato, e proprio alla luce di questi principi il nostro gruppo “Simpatizzanti” si sta muovendo sul territorio, con l’obiettivo di trovare sempre più forze della società civile che si aggiungano alle nostre al fine di riportare il cittadino al centro delle istituzioni.


da Simpatizzanti M5S Meetup
Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2015 alle 16:17 sul giornale del 10 marzo 2015 - 1614 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, Movimento 5 Stelle Meetup

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agt7


Commento modificato il 17 marzo 2015

Non c'e' bisogno di fare i generici in questo caso: il "commentatore di Viveresenigallia" che si cita qui sopra si e' presentato con nome e cognome, e si tratta del candidato Marcello Liverani.
In quanto ai punti programmatici indicati posso immaginare che abbia "assunto" i punti stilati in questi mesi dalla lista "Senigallia Bene Comune": poi si sai, in politica non esiste il vincolo di "non concorrenza", e come faceva notare qualcuno (non ricordo chi) molti programmi sembreranno simili dato che alla fine le questioni sono quelle.
Per la domanda del comunicato, cioe' come mai (in teoria) ci son consi' tanti "grillini" con altri raggruppamenti, credo sia il M5S per primo a doverselo chiedere.

Piuttosto faccio notare che a meno di tre mesi dalle elezioni ancora mancano il candidato ufficiale del M5S, il candidato della lista civica Paradisi-Rebecchini e molti (quasi tutti) i programmi, e

Una "quasi-ex" grillina

09 marzo, 17:50
Dopo aver vissuto da dentro, per quasi tre anni, il "M5S" di Senigallia (tre anni di continui insulti reciproci per avere la meglio e sotterfugi per prevalere su altri), mi auguro che non ci sia nessun candidato; e se ci dovesse essere...vuol dire che c'è stata qualche manovra POLITICA...ahimé!

Io mi domando come è possibile che in questi periodi di profondo distacco dei cittadini dalla politica ci siano così tanti aspiranti sindaci di Senigallia. Forse tanta gente vuol mettersi a disposizione della città per risolvere gli enormi problemi che la assillano? Lo spero vivamente, anche perché a pensar male si fa peccato ....




logoEV