Massaggi hard: la Polizia sequestra due centri estetici gestiti da cinesi

03/03/2015 - Prosegue incessante l'attività del Commissariato di Polizia di Senigallia finalizzata al contrasto della prostituzione. Stavolta l'attività di polizia ha riguardato due centri massaggi orientali situati lungo la strada statale Adriatica Nord.

Numerose sono state le segnalazioni che hanno indotto gli investigatori ad effettuare una serie di approfondimenti circa la tipologia di prestazione svolta all'interno di questi due centri massaggi. Sono stati effettuati minuziosi controlli e sono state sentite numerose persone, risultate aver frequentato i due centri massaggi. All'esito dei prolungati accertamenti, svolti dal personale del Commissariato guidato dal vice questore aggiunto Agostino Licari, si è accertato che dietro uno schermo di attività legale destinato al massaggio in realtà si nascondeva una ben più lucrosa ed “attraente” attività diretta a fornire prestazioni sessuali ai clienti che si rivolgevano ai duecentri.

Le attività di polizia effettuate nel corso di un periodo piuttosto ampio hanno consentito di accertare la costante presenza di diverse donne, tutte di origine cinese e tutte di giovane età, costantemente impiegate all'interno del centro massaggi con le funzioni di massaggiatrici ma che, nella realtà, offrivano alla clientela maschile specifiche prestazioni di natura sessuale. In particolare, nel centro massaggi di via R. Sanzio è stata sorpresa una donna cinese mentre consumava un rapporto hord con un cliente presente all'interno di una sala appositamente allestita.

All'interno del centro poi sono stati trovati due uomini che si occupavano della gestione, anche economica, dell'attività. I due uomini di origine cinese, J. M. di 40 anni circa , e L.H. di 30 anni, e domiciliati a Senigallia sono stati tratti in arresto per il reato di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e posti a disposizione dell'autorità giudiziaria. Inoltre sono state effettuate numerose perquisizioni presso i luoghi adibiti a centro massaggi e nelle abitazioni dei cinesi che hanno consentito di raccogliere ulteriori elementi.

Infine la Polizia ha sottoposto a sequestro penale e posto i sigilli all’immobile in via Sanzio dove veniva esercitata l’illecita attività di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.





Questo è un articolo pubblicato il 03-03-2015 alle 13:53 sul giornale del 04 marzo 2015 - 4981 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, articolo, massaggi hard

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agaU


oddio!! si consumava un rapporto HORD... da rabbrividire!!

Due centri massaggi cinesi chiusi e 10 clienti di prostitute multati di 400 euro, non si può dire che le forze dell'ordine e i nostri amministratori non abbiano sferrato una vera e propria lotta al crimine.. i senigalliesi possono dormire sonni tranquilli...

Infatti, ora le signorine esercitano x strada nel centro della città di senigallia, forse era meglio prima che non si vedeva perchè erano in un centro massaggi?

mario cardone

04 marzo, 09:15
Ma in cosa sono consistititi i "prolungati accertamenti" sulle prestazioni erogate? ;)

ma riapriamole ste benedette case chiuse, eccheccazzz!!!

prolungati accertamenti, approfondimenti, minuziosi controlli, mi chiedo se lo stesso scrupolo viene messo nel rintracciare gli autori delle decine e decine di furti e rapine compiute quotidianamente , ormai una casa si e una no è stata "visitata", ma non leggo "mai" che ci sia stato qualche fermo o arresto o identificazione di qulacuno di questi balordi.