Il Tdm: la sanità non deve essere uno spot elettorale

umberto solazzi Tribunale del malato 02/03/2015 - Leggendo le affermazioni del Dr. Girolametti in merito alla crisi del nostro ospedale mi si dà l’opportunità per fare due considerazioni.

la prima, il Dr. Girolametti che è anche consigliere comunale, in altre occasioni ed in una in particolare (Commissione Comunale Sanità) aveva denunciato la sua sofferenza politica per i gravi problemi del nostro ospedale, ma alle sue dichiarazioni poi non hanno fatto seguito azioni politiche per raggiungere risultati concreti e atte a costruire alleanze fra tutti gli attori interessati. Non si sono prese posizioni intransigenti, perché soprattutto in sanità bisogna prenderle unendo la propria voce politica a quella di altri soggetti della società civile e confrontarsi con coraggio ed intelligenza con i vertici della Regione; Cittadiniattivi per difendere un nostro diritto, il diritto alla salute.

Razionalizzare non significa depotenziare, ma riqualificare la spesa sanitaria partendo da una analisi corretta dei reali bisogni dei cittadini/pazienti. Il Tribunale per i diritti del malato si è speso da anni a denunciare sui media e nei convegni dove veniva invitato (pochi a dire il vero) che il nostro ospedale con l’attivazione dell’area vasta, avrebbe subito un drastico ridimensionamento, ma non una voce a sostenerci anzi qualcuno bonariamente ci chiamava gufi, cassandre, pessimisti. No eravamo realisti tant’è che più di una volta, abbiamo sfidato i nostri detrattori a smentirci su quello che avevamo dichiarato. A venti chilometri abbiamo Torrette, a trentasei Marche Nord, a trenta hanno costruito un ospedale modello; cosa pensavano che li ci mettessero le unità operative semplici? E no lì le unità operative complesse, da noi quelle semplici.

Lo ripeto ancora per l’ennesima volta abbiamo perduto come unità operative complesse: oculistica, otorino,oncologia, radiologia, laboratorio analisi. A breve andrà in pensione il Direttore di Nefrologia e Dialisi, è andato in pensione il Direttore del centro trasfusionale, siamo ancora in attesa del primario di cardiologia (voci di corridoio lo danno a breve) ci hanno tolto e non li riprendiamo più trenta posti letto in medicina e lunga degenza , ridimensionati gli uffici amministrativi…..ed oggi vediamo “il futuro nero” del nostro ospedale? E’ il presente che è già nero perché nel passato si è sottostimato quello che poteva accadere nel futuro confidando in qualche santo protettore. E’ sempre la solita storia si chiudono le stalle quando i buoi sono fuggiti. L’area vasta così concepita non ha risolto i problemi, li ha solo ingigantiti e appesantiti burocraticamente ricadendo sulle spalle e tasche di noi poveri cittadini pazienti; e le liste di attesa? Il cup unico?

Si arriva anche a chiudere le prenotazioni di alcune specialistiche. E’ assolutamente vero quello che dice il Dr. Girolametti per quanto riguarda le richieste di intervento anche per una piccola spesa, o per l’intervento di manutentori, le devi chiedere a Jesi che poi le passa a Fabriano sede amministrativa e quando hanno deciso passaggio contrario. Il Dr. Ruta ex Dirigente ASUR anni fa in un consiglio comunale sulla sanità nel rappresentare l’allora nascente area vasta, tra le righe su Senigallia disse “satellite di Torrette ” oggi satellite anche di Jesi e Fabriano. Politicamente bisognava prepararsi “alla guerra” naturalmente in senso metaforico” contro le decisioni che si andavano a prendere a sfavore del nostro ospedale. Seconda considerazione: l’Onorevole Andreotti diceva che a pensar male si fa peccato, ma qualche volta ci si prende. Non vorremmo che avvicinandosi le elezioni la sanità diventi uno spot pubblicitario. Comunque confidiamo nell’impegno del Dr. Girolametti come consigliere comunale dichiarandoci disponibili a collaborare.


da Umberto Solazzi
presidente Tribunale del Malato



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-03-2015 alle 18:23 sul giornale del 03 marzo 2015 - 1036 letture

In questo articolo si parla di attualità, tribunale del malato, umberto solazzi, Tribunale dei Diritti del Malato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/af9R


ottima analisi dell'inascoltato presidente Solazzi. E il volpini che della sanità è assessore e che avrebbe dovuto farsi carico di queste problamatiche al fine di arginarle cosa ha fatto??
Nulla!!Ovvero solo chiacchiere visti i risultati.
Ma il volpini ha altro per la testa teso com'è al pensiero di occupare la probabile futura e ricca poltrona in regione!!!
saluti




logoEV