‘Leo Matiz: la fotografia come racconto’ prorogata fino al 30 marzo: ora c'è anche il catalogo

28/02/2015 - Oltre 8 mila visitatori per la mostra ‘Leo Matiz: la fotografia come racconto’, inaugurata lo scorso 18 ottobre alla presenza di Alejandra Matiz, figlia del fotografo colombiano ed attuale presidente della Fondazione Matiz a Città del Messico, che ora si arricchisce del catalogo.

All’interno del volume bilingue (italiano e inglese), oltre le 50 fotografie rappresentative del mondo artistico frequentato dall'autore, compresa la suite dedicata a Frida Khalo e Diego Rivera, in esposizione alla Rocca Roveresca, sono raccolti i contributi del sindaco Maurizio Mangialardi, dell'assessore alla cultura Stefano Schiavoni, della figlia del fotografo Alejandra Matiz, dei curatori del catalogo, il direttore del Musif Carlo Emanuele Bugatti e l'architetto Gianni Volpe, e di Sergio Uribe.

"Le foto esposte nella splendida location senigalliese e raccolte nel catalogo non sono solo parte di una mostra - sottolinea Stefano Schiavoni - sono parte del patrimonio culturale della città”. Infatti al termine dell’evento espositivo entreranno a far parte della collezione del Musinf.

Un elemento distintivo di Senigallia. “Senza nulla togliere ai grandi eventi che si svolgono in altre città di dimensioni ben maggiori, ciò rappresenta la grande unicità di Senigallia”- conferma l’assessore con l’appoggio del sindaco. “Ad essere vincente- aggiunge Maurizio Mangialardi- è tutto il progetto di Senigallia come città della fotografia”.

Un progetto, e non un semplice spot che non serve e non lascia nulla al territorio- rimarca il primo cittadino-, che delinea percorsi e li persegue sistematicamente aggiungendo ogni volta qualcosa”.

Il tutto attraverso la collaborazione e la condivisione. “Ciò è fondamentale per una città che fa e farà sempre di più in futuro del turismo la sua economia- conclude- dobbiamo essere capaci di declinare le varie tipologie di turismo. Con la mostra di Matiz abbiamo tracciato un grande segno”.

Inaugurata lo scorso ottobre, ‘Leo Matiz: la fotografia come racconto’ in questi mesi ha fatto registrare 8400 visitatori. Pertanto il Comune di Senigallia ha deciso di prorogarne l'apertura fino al 30 marzo 2015, tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso gratuito per i minori di 18 anni.







Questo è un articolo pubblicato il 28-02-2015 alle 16:22 sul giornale del 02 marzo 2015 - 1015 letture

In questo articolo si parla di cultura, fotografia, mostra, senigallia, Sudani Alice Scarpini, articolo, leo matiz

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/af5w





logoEV