Simpatizzanti M5S Meetup Senigallia intervengono sulla questione della Centrale Biogas di Casine di Ostra

Simpatizzanti M5S Meetup Senigallia 14/02/2015 - Durante gli interessanti incontri pubblici dello scorso 26 gennaio e 10 febbraio, tenutisi rispettivamente a Filetto di Senigallia e a Brugnetto tra la Giunta Comunale e i cittadini, sono emerse importanti volontà da parte della nostra Amministrazione in merito alla questione della Centrale Biogas di Casine di Ostra di cui da tempo ci stiamo occupando (http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=496512 ).

Nel primo incontro (a Filetto) un cittadino appartenente al nostro meetup ha chiesto al Sindaco se l’Amministrazione sia ancora interessata a richiedere un supplemento istruttorio della Regione (come da noi proposto formalmente l’11 agosto scorso) circa la Centrale Biogas di Casine di Ostra che sorgerà in un’area già oggetto di più eventi alluvionali oltre a quello del 3 maggio scorso. Il Sindaco ha esternato, chiaramente con nostra grande soddisfazione, la sua volontà di appoggiare personalmente questa legittima richiesta formalizzata da un atto consiliare.                                      

Durante l’incontro a Brugnetto, anche l’Assessore Ceresoni ha dedicato una parte del suo intervento alla Centrale Biogas, dichiarando che dopo l'alluvione sono cambiate le condizioni di sicurezza per cui il Comune avrebbe in programma un incontro con l'Autorità di Bacino per chiarire definitivamente la questione (qui sorge un nostro dubbio: perché coinvolgere l’Autorità di Bacino quando la responsabilità della Autorizzazione rilasciata per la costruzione della Centrale è della dirigenza del P.F. rete elettrica Regionale e autorizzazioni energetiche gas ed idrocarburi della Regione Marche e il Dipartimento III Governo del Territorio Area Procedure Autorizzazioni e Valutazioni Ambientali della Provincia di Ancona?).

Per chiarire al meglio vogliamo qui di seguito riassumere brevemente gli intenti e i contenuti della nostra Proposta di Riesame finalizzata a richiedere un supplemento di istruttoria sull’Autorizzazione concessa per realizzare un impianto di quel tipo in un’area oggetto di ripetute esondazioni negli ultimi 4 anni.

La nostra Proposta di deliberazione di una Richiesta di supplemento di istruttoria in merito alla concessione della VIA per la costruzione della Centrale a biogas a Casine di Ostra, in zona risultata poi altamente esondabile in ordine ai gravi fatti calamitosi del 2011 e del 3 maggio 2014, è stata presentata ai cittadini in diversi incontri pubblici tenutisi nel corso del 2014 e sottoscritta da 130 cittadini. L’intento, sposato anche dal Sindaco il 26 gennaio scorso a Filetto, è che la nostra amministrazione richieda alla competente sede regionale di rivedere i criteri di autorizzazione unica della Centrale Biogas che dovrebbe sorgere a Casine di Ostra, in un’area a poche centinaia di metri dalla confluenza tra il Misa e il Nevola e immediatamente confinante con il territorio di Senigallia. Sia nel marzo 2011 che il 3 maggio 2014, anche l’area della Zona Industriale ZIPA di Casine di Ostra è stata coperta di acqua e fango. Purtroppo, anche se è doloroso dirlo, non è scontato che ciò non si ripeta in futuro. Proprio in quell’area, la Regione Marche ha concesso l’autorizzazione per la costruzione di una Centrale Biogas da FORSU.

Crediamo appaia evidente la criticità della situazione e ci chiediamo quali rischi, anche da un punto di vista sanitario o epidemiologico, si sarebbero potuti conclamare nel caso in cui in quell'area esondata fosse stato effettivamente già realizzato e messo in esercizio l'impianto autorizzato dalla Regione Marche che, vale la pena ricordarlo, prevede presenza e stoccaggio di rifiuti organici in notevole quantità sul posto. Si sarebbe potuto scongiurare il rischio che l'esondazione, manifestatasi in quel sito, avesse disperso, senza alcuna possibilità di controllo, tale materiale nell'area circostante?

E’ importante, infine, sottolineare che non poteva darsi luogo ad una regolarizzazione postuma della pratica presentata presso i competenti Uffici per quanto attiene alla relazione geologico-geotecnica datata febbraio 2013, inviata al Servizio regionale - di cui era responsabile l'lng. Calvarese - successivamente al rilascio dell’autorizzazione, dal momento che era obbligo specifico del funzionario acquisirla preventivamente per effetto della prescrizione n. 12 della VIA di cui alla determinazione provinciale n. 186 del 14.9.2011. Si è trattato, quindi, a nostro avviso di autorizzazione viziata da illegittimità avendo egli recepito integralmente tutte le prescrizioni provinciali solo nel suo Atto conclusivo.

Da aggiungere, inoltre, che, a seguito dei tragici eventi del 3 maggio 2014, anche il Comitato di cittadini “NoBiogas Ostra” ha provveduto a richiedere all’Autorità di Bacino di implementare con effetto immediato il Piano di Assetto Idrogeologico, affinché ricomprenda tutta l’area che è stata oggetto di esondazione del fiume Nevola, e a tutti gli Enti interessati di annullare l’autorizzazione per la costruzione della Centrale Biogas. La valle del Misa, che da questa zona si estende fino alla città di Senigallia, ha quindi più volte dimostrato le sue criticità ambientali (idrogeologiche); per questo tutti noi vorremmo essere rassicurati che impianti di tale natura non arrechino ulteriori motivi di preoccupazione.

Come cittadini abbiamo apprezzato che il Sindaco Mangialardi si sia verbalmente e pubblicamente impegnato a finalizzare questa istanza, convenendo con noi sulla ovvia doverosità per l'Ente Comunale di anteporre a tutto gli interessi pubblici in materia di sicurezza, salute e rispetto del nostro ambiente e territorio, sposando senza indugi la nostra proposta anche in virtù dei principi di precauzione e di autotutela previsti dalla normativa vigente.

In conclusione, confidiamo che l’allegata proposta venga messa all’ODG del prossimo Consiglio Comunale ai fini della sua discussione e votazione, affinché il Comune proceda celermente a presentare alla Regione (e per suo tramite alla stessa Provincia) l'istanza di riesame della procedura autorizzativa, sopra brevemente riassunta, a salvaguardia dei diritti dei cittadini alla salute, alla tutela dell'ambiente, della proprietà e della pubblica incolumità.

 


da Simpatizzanti M5S Meetup
Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2015 alle 16:41 sul giornale del 16 febbraio 2015 - 739 letture

In questo articolo si parla di politica, ostra, senigallia, centrale biogas, Movimento 5 Stelle Meetup, Simpatizzanti M5S Meetup

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/afpv