M5S sul lungomare: chi si sentirà a suo agio nel passeggiare sotto casa di altri?

09/02/2015 - In questi giorni il nostro Sindaco ha espresso più volte la soddisfazione per l’avvenuto travaso di proprietà della parte di lungomare che dalle ex colonie ENEL si snoda fino al camping Cortina. Tutto il positivo che si ricava da questa operazione è stato spiegato, anche incontrando le categorie interessate e con articoli di giornale.

Ci risulta, invece, che il nostro sindaco non abbia né pubblicizzato né chiesto ai cittadini il loro parere sulle delibere comunali n° 232 del 18-12-2012 e n° 59 del 16-04-2013 che cambiano completamente l’assetto e la viabilità di un importante tratto del nostro lungomare. Proviamo a spiegarvelo noi quello che è scritto in queste delibere visto che nessuno ancora lo ha fatto, neanche le opposizioni. Dal sottopasso ex colonie ENEL al sottopasso grande successivo, la strada del lungomare verrà spostata a confine con la ferrovia per lasciare posto ad un’opera esagerata, palazzi comprendenti appartamenti, negozi, centro benessere, parcheggi (la maggior parte per i residenti).

E' nostra richiesta, richiamandoci anche alla Convenzione di Aarhus (ratificata dall' Italia con legge del 2001), che decisioni tanto importanti fossero condivise con noi cittadini e che le motivazioni, i principi che hanno determinato questo progetto venissero esplicitate da parte dell' Amministrazione. Giacchè se per l’Amministrazione comunale esistono buone ragioni per arretrare il lungomare non si capisce perchè esse non vengano estese fin dove possibile ( fino a Marzocca, per esempio). Se invece l’intervento rimane circoscritto a quel tratto di lungomare compreso fra il ponticino e il sottopassaggio, allora il provvedimento prenderebbe le sembianze di un privilegio. Infatti della spiaggia non si parla; non c’è bisogno di parlarne, attorniata come sarà da costruzioni che arriveranno fino al confine, tanto più che senza la strada (lungomare) potrà essere usata solo dai residenti. Chi si sentirà a suo agio nel passeggiare (ammesso che ci sarà concesso il passaggio) sotto casa di altri? In quella zona ci sono diverse DUNE,fiore all’occhiello della nostra spiaggia e, fino ad ora, protette per legge comunale; che fine faranno? Neanche di questo si parla nelle delibere.

Se l’intervento dovesse rimanere circoscritto a quel solo tratto sembrerà che un provvedimento tanto innovativo viene condizionato e subordinato alle esigenze cementizie degli imprenditori interessati. L’amministrazione dimostrerebbe di perseverare in quel costume che inverte la direzione di causalità fra ragioni dell’ambiente e ragioni dell’imprenditoria edilizia. Le ultime risposte del fiume e del mare non lasciano spazio ad ulteriori errori amministrativi. Le delibere a cui ci riferiamo le abbiamo trovate con questi link, ma ora sembra non funzionino più, nel caso fossero ripristinati potete controllare e giudicare da soli.
http://comune.senigallia.an.it/OpenData/Atti/2013/11/15/01/4896.xml
http://comune.senigallia.an.it/OpenData/Atti/2013/11/15/01/5579.xml







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-02-2015 alle 16:49 sul giornale del 10 febbraio 2015 - 1434 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle, M5S, meetup movimento 5 stelle senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ae0n


Io potrei anche essere teoricamente daccordo con il fatto di retrocedere il "lungomare" a ridosso della linea ferroviaria, a patto che venisse fatto per realizzare un progetto complessivo che preveda effettivamente nuove attrazioni o strutture che possano servire ad aumentare l'offerta turistica cittadina.
Mi riferisco per esempio al fatto di avere maggiori spazi dove non ci siano problemi di rumore, come avviene invece adesso ogni sera d'estate, o che siano abbastanza grandi da contenere un buon numero di persone per eventi (magari una tantum) molto grandi, cosa che Piazzale della Liberta' o il solo Foro Annonario non sono capaci di fare, e realizzare in questo modo un turismo che possa risultare piu' "diffuso" rispetto ad adesso che invece si trova concentrato (e per questo rumoroso) in poche centinaia di metri.
Quindi non nuovi alberghi o appartamenti di cui non mi pare ci sia penuria in citta', salvo non vengano realizzati appunto a servizio di quello che si vuole realizzare nell'area: altrimenti sarebbero solo fini a se stessi, e realizzare un intervento "puntuale" per questo motivo a mio parere non vale lo scambio.
Per questo mi farebbe piacerebbe si parlasse di piu' di quali attrazioni si vorrebbe realizzare in quell'area.

gasparinocarbonaro

10 febbraio, 18:25
Commento sconsigliato, leggilo comunque