Trecastelli: la minoranza non si smentisce mai

comune di trecastelli 02/02/2015 - Il titolo a caratteri cubitali dell’articolo di stampa apparso soltanto alcuni giorni fa sugli organi di informazione locali che “etichetta” il Comune di Trecastelli come S.p.A. può essere letto, a nostro avviso, anche in maniera lusinghiera poiché, a fronte di tante Pubbliche Amministrazioni ingessate e burocratizzate, Trecastelli ha forse iniziato veramente a dimostrare di avere un carattere di dinamismo, efficienza ed efficacia.

Ma voglio entrare subito nel merito di quanto nel contesto dell’articolo hanno dichiarato i Consiglieri Peverelli e Fattori , arrogandosi , in nome di una sterile e ormai direi anche “ambigua” opposizione politica, il diritto di travalicare l’etica ed il buon gusto, che sempre dovrebbero guidare le nostre azioni, diffamando, calunniando e, se possibile, ledendo la dignità professionale del personale tecnico-amministrativo del nostro Comune, che opera nell’assoluto rispetto delle norme e con grande esperienza e professionalità e che dovrebbe essere lasciato totalmente fuori dai toni troppo alti di questa polemica. La minoranza si chiede se sia l’imparzialità a guidare la mia Giunta, se le logiche clientelari segnino l’operato di questa Amministrazione Pubblica con ciò riferendosi in particolare all’assunzione di un responsabile dell’ufficio tecnico ed al bando per la gestione dell’ufficio turistico e del museo presso il villino Romualdo.

Ora, arrivati a questo punto, mi chiedo, invece, che cosa ci sia dietro questo “forsennato” ed insistente interessamento della Minoranza ed, in particolare, del Consigliere Peverelli, rispetto all’avviso pubblico che dovrà portare ad individuare il nuovo soggetto gestore dei servi museali, dell’ufficio turistico e della biblioteca. Tanto per precisare, come fanno i consiglieri di minoranza a conoscere quali siano le ditte e/o associazioni che hanno partecipato all’avviso pubblico, (viene menzionata la Pro Loco), quando determinate informazioni, a meno che non si sia stati presenti alla prima riunione dell’organo di valutazione preposto, ossia nella fase di apertura delle offerte, (e non mi risulta che fossero presenti i consiglieri in parola) non sono note neppure a me, come è giusto che sia, poiché non faccio parte di detta commissione ed i lavori di aggiudicazione non sono ancora conclusi? Peraltro, rispetto alla motivazione dell’accusa formulata dalla minoranza, in risposta ad una precisa richiesta del Consigliere Peverelli, tendente ad ottenere l’annullamento dell’atto adottato dalla Responsabile dell’Area Affari Generali perché, a suo avviso, “viziato di illegittimità per abuso di potere” la stessa Responsabile aveva puntualmente risposto, non dicendo che “ non si era letta correttamente la delibera consigliare” come si asserisce, ma dichiarando la sua volontà di non annullare la determinazione posta sotto accusa, non ravvisandone gli estremi e spiegandone le motivazioni, che confutavano totalmente quanto asserito dal Consigliere stesso.

Le affermazioni gratuite ed infamanti fatte dai consiglieri di minoranza, le conclusioni paranoiche che non hanno un minimo fondamento di verità, anche perché i fatti vengono da loro riferiti in maniera distorta per non dire mendace, mi portano solamente a pensare che forse siano proprio loro a voler tutelare o salvaguardare gli interessi di qualcuno che potrebbe aver partecipato al bando, magari di qualche persona molto vicina alle loro liste, per non dire addirittura candidati nelle ultime amministrative. Spero vivamente che non sia così perché nel loro dire oltre ad evidenziare semmai il loro clientelismo , si potrebbero ravvisare gli estremi per un’azione di tutela per le accuse gratuite ed infamanti rivolte all’amministrazione comunale e ,nello specifico, personalmente al responsabile del settore degli affari generali ed anche al segretario comunale, per i quali, oltre all’indiscussa professionalità, ribadiamo l’assoluto rispetto delle procedure e la stretta osservanza delle norme nell’esercizio delle loro funzioni, come si può evincere dagli atti in comune cui tutti i cittadini possono accedere .

Concludo semplicemente dicendo che saranno i fatti a dimostrare che il nostro operato è assolutamente sereno, corretto ed imparziale e saranno sempre i fatti a dimostrare che il bene comune è il solo nostro obiettivo, e invito, infine, con assoluta fermezza, i consiglieri di minoranza a non ripetere altre infamanti affermazioni e ad esercitare il loro ruolo di opposizione nel rispetto di un civile comportamento istituzionale.


dal Comune di Trecastelli
già Ripe, Castel Colonna, Monterado
 




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-02-2015 alle 14:50 sul giornale del 03 febbraio 2015 - 937 letture

In questo articolo si parla di politica, trecastelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aeOZ


Chi amministra dovrebbe far parlare i fatti, invece di perdere tempo a polemizzare con la minoranza che, specialmente nei piccoli comuni, non ha quasi alcun potere.




logoEV