Trecastelli: IMU sui terreni agricoli, i Comuni con il ruolo di agenti di riscossione dello Stato

imu 01/02/2015 - I Comuni italiani sono di fronte all’ennesimo taglio operato dallo Stato centrale che li costringe a ribaltare le minori entrate sui cittadini e in particolare sui proprietari di terreni agricoli.

Riepilogando brevemente la questione, con DM del 28 novembre 2014, sulla base di principi discutibili, sono stati rivisti i criteri ai fini dell’esenzione dal pagamento dell’IMU sui terreni agricoli in base ai quali i cittadini di Trecastelli dovrebbero corrispondere il tributo. Tale nuova disposizione trova applicazione anche con riferimento all’anno 2014, in palese contrasto con i principi contenuti nello Stato del Contribuente (Legge 27 luglio 2000, n. 212).

Alcune sezioni regionali dell’ANCI, nella convinzione che i nuovi criteri per l’esenzione dell’imposta creassero disparità di trattamento, decidevano di impugnare il citato DM 28.11.2014 davanti al TAR del Lazio. La scadenza di pagamento dell’imposta originariamente prevista per il 16 dicembre 2014 veniva prorogata al 26 gennaio 2015. In tale contesto di incertezza sia in merito al calcolo del tributo sia alle scadenze, l’unica certezza per il Comune di Trecastelli era rappresentata dal taglio subito sui trasferimenti dallo Stato per circa 124.000 euro, nonostante il bilancio 2014 fosse oramai chiuso!

L’attesa decisione del Tar Lazio concernente la sospensiva legata alla richiesta di annullamento del pagamento e della scadenza dell’IMU per i terrreni agricoli nei Comuni interessati dalla nuova classificazione dei comuni montani, purtroppo non veniva accolta rimandando la decisione nel merito ai mesi successivi. Successivamente il Consiglio dei Ministri con il D.L. n. 4 del 24/01/2015, pubblicato nella G.U. n. 19 del 24.01.2015 rivedeva l’IMU agricola per il 2015 con effetti anche sul 2014. Da tale decreto, nonostante la revisione dei criteri, il comune di Trecastelli non è classificato come comune montano né parzialmente montano pertanto i contribuenti non sono esentati dal pagamento dell’imposta.

Alla luce di quanto sopra, non ravvisandosi da parte degli enti locali la possibilità di sospendere il pagamento dell’IMU per l’anno d’imposta 2014, lo Stato ha stabilito, nonostante l’attuale contesto di difficoltà economica che colpisce anche la categoria degli agricoltori, che il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli deve essere effettuato entro il 10 febbraio 2015. Si ritiene doveroso che il Legislatore ritorni sui suoi passi e riveda le frettolose norme emanate in materia che costringono i comuni a svolgere il drammatico ruolo di esattore nei confronti dei cittadini su mandato di quello Stato che prima toglie risorse agli enti locali e poi li costringe a recuperare il mancato incasso con nuove imposte.


dal Comune di Trecastelli
già Ripe, Castel Colonna, Monterado
 




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2015 alle 16:47 sul giornale del 02 febbraio 2015 - 929 letture

In questo articolo si parla di politica, imu, trecastelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aeMm





logoEV