Un male incurabile lo uccide a soli 38 anni, addio a Donato Ciceroni

donato ciceroni 30/01/2015 - Una malattia improvvisa e un male incurabile che non gli ha lasciato scampo. E' morto a soli 38 anni Donato Ciceroni, noto avvocato, originario di Corinaldo, ma molto conosciuto anche a Senigallia dove viveva con la famiglia

Ciceroni è figlio dell'ex sindaco di Corinaldo Fabio e della professoressa Polverari. Notevole il suo impegno nella vita sociale e istituzionale di Corinaldo, comune dove è nato e cresciuto. Ciceroni è stato infatti presidente dell'ex Casa di riposo di Corinaldo. Nel 2005 si era sposato con Elena ed oggi era padre di due figli in tenera età. La notizia della morte di Donato ha profondamente scosso le due comunità di Senigallia e Corinaldo, dove tutti lo conoscevano e apprezzavano per la sua professionalità nel lavoro che svolgeva e per le sue doti di uomo integro e onesto, particolarmente legato agli affetti familiari e sempre dedito al lavoro.

Dopo aver scoperto la terribile malattina, appena qualche mese fa, Ciceroni aveva lottato fino all'ultimo. I suoi familiari hanno riferito che Donato "è morto, serenamente, confortato dall'amore della moglie e di tutta la sua famiglia". Appresa la notizia, il sindaco di Corinaldo Matteo Principi ha rivolto alla moglie Elena e ai genitori il cordoglio suo personale e anche di tutta l'Amministrazione. "Sono profondamente addolorato per la scomparsa di Donato, cui ero legato da un rapporto di amicizia e anche istituzionale -ricorda il sindaco di Corinaldo Matteo Principi- lo ricordo e lo ricorderò sempre per la sua grande correttezza, verso tutti sempre e comunque, per la sua disponibilità e per la preparazione culturale che aveva. Era un ragazzo brillante e tutta la comunità piange oggi una grande perdita".

Tanti i messaggi di vicinanza alla famiglia arrivati da parte di amici e colleghi che di Donato ne esaltano "la vita onesta e sorridente, spesa nel culto appassionato della famiglia, del lavoro e dello studio". I funerali saranno celebrati sabato alle ore 15 nella chiesa del Portone di Senigallia.





Questo è un articolo pubblicato il 30-01-2015 alle 13:51 sul giornale del 31 gennaio 2015 - 13061 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aeHX


Le nostre vite si sono incrociate solo 8 anni fà; venivo a chiedere il tuo aiuto in un momento di fragilità. Sei stato subito molto disponibile, con me e la mia famiglia, facendoci sentire tranquilli e a nostro agio. Come un AMICO.
Ciao Avv.Donato Ciceroni.
Anche se da poco tempo con me, sei stato sicuramente un uomo buono.
Riposa in Pace.

Tarcisio Torreggiani

31 gennaio, 09:30
A Fabio Ciceroni e alla Sig.ra Polverari e alla famiglia di Donato la vicinanza più stretta in questa tristissima occasione. Coraggio e resistenza siano le caratteristiche dei sentimenti che animano le due famiglie. A Fabio un caloroso abbraccio a fronte della lunga amicizia.

Da tempo non ci vedevamo, sia per i nostri caratteri molto diversi sia per gli stili di vita diametralmente opposti. Siamo, eravamo, coetanei e quando eravamo più giovanotti, adolescenti le nostre vite si sono inevitabilmente incrociate, la scuola e le ragazzate nei luoghi che tutti più o meno frequentavamo, il tuo perenne sorriso e la voglia sempre pronta di scherzare erano trascinanti e ben voluti, nessuno li dimenticherà. Più che dolore per me è sgomento e incredulità, ci sentiamo forti, siamo forti, eppure così fragili e spesso impotenti.
Ciao Ciccio,
un abbraccio alla famiglia Ciceroni, alla moglie e figli.