Sabato la Festa della Pace

Bandiera della pace 29/01/2015 - L’Azione cattolica della diocesi di Senigallia promuove per sabato 31 gennaio prossimo la ‘Festa della Pace’, a conclusione del mese di gennaio, dedicato proprio questo tema ed iniziato con il Messaggio del Papa del 1° gennaio scorso ‘Non più schiavi, ma fratelli’.

Centinaia di ragazzi, giovani ed adulti si ritroveranno alle 15.30 nella Cattedrale per un momento di preghiera guidato dal vescovo Giuseppe. Poi, da piazza Garibaldi, inizierà la ‘Marcia della Pace’ che percorrerà le vie Cavour, Corso 2 Giugno, piazza Saffi, via Marchetti. L’arrivo in piazza del Duca darà il via alla Festa vera e propria. Un  grande palco, allestito in piazza, ospiterà la musica dei DonutCross e dei Qut e la testimonianza di due protagonisti di pace: Roberto Maccaroni, giovane infermiere, volontario di Emergency che ha lavorato per qualche mese nella Sierra Leone duramente colpita dal virus Ebola. Con lui, Giorgio Pieri, della Comunità Papa Giovanni XXIII di Rimini, impegnato nell’offrire a persone con vissuti difficili più di un’opportunità per uscire dalla tante schiavitù di oggi.

In piazza saranno presenti anche tante realtà del territorio che si impegnano per la giustizia e per la pace: la cooperativa ‘Mondo solidale’ con i prodotti del commercio equo; l’ong Avsi, che ha tanti progetti di sviluppo nel Sud del mondo; i compagni di Jeneba, associazione senigalliese particolarmente vicina alla Sierra Leone; il Movimento Studenti di Azione Cattolica; il presidio senigalliese di Libera, associazione contro tutte le mafie; l’ong ‘L’Africa chiama’ di Fano, con i suoi progetti per la nutrizione e la cura delle disabilità.

Inoltre, la Scuola di pace di Senigallia proporrà una raccolta di firme per sostenere la Proposta di legge di iniziativa popolare “Istituzione e modalità di finanziamento del Dipartimento della Difesa civile non armata e nonviolenta”. La Festa in piazza si aprirà con il lancio di palloncini ai quali saranno legati alcuni messaggi di pace scritti dai ragazzi dell’Acr, che poi animeranno gli spazi della piazza con i loro giochi.

“Lo sappiamo – dicono i responsabili dell’Ac diocesana – una festa ed una marcia non fanno smettere guerre e violenze che distruggono troppe vite, luoghi e ambiente, anche vicino a noi. Sono il segno, comunque, della voglia di tanti ragazzi, giovani e adulti di dire da che parte stanno, di ritrovarsi ancora per festeggiare insieme il dono più bello che l’umanità conosca: la pace!”.
La Festa è aperta a chi vuole e ha il patrocinio del Comune di Senigallia.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2015 alle 15:48 sul giornale del 30 gennaio 2015 - 890 letture

In questo articolo si parla di chiesa, attualità, pace, senigallia, diocesi di Senigallia, bandiera della pace

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aeE2