Commissione d'inchiesta. Rebecchini difende Mancini: 'Relazione seria e puntuale'

luigi rebecchini 23/01/2015 - La sera di lunedì 19 la commissione d’indagine ed inchiesta sull’alluvione ha cessato i lavori. Durante mesi di audizioni e riunioni, per una serenità degli stessi lavori, la commissione ha lavorato non facendo trapelare assolutamente nulla.

Cessati i lavori e firmate le relazioni,  la stessa commissione d'indagine ed inchiesta è chiaramente decaduta e nulla osta alla pubblicazione di relazioni ed atti. Il consigliere Mancini ha cessato di essere presidente nella stessa data. Le due relazioni sono state depositate martedì mattina e di conseguenza ogni consigliere ne ha già ricevuto copia.

Lo scopo della commissione era quello di individuare eventuali lacune, errori, inefficienze e criticità (del passato ed attuali) che hanno provocato e/o aggravato l’evento disastroso del 3 maggio.
A me pare che la relazione di Mancini (votata anche da Rebecchini, Paradisi, Cameruccio, Perini e Marcantoni) abbia cercato di riportare in effetti le lacune, gli errori, le inefficienze e le criticità emersi attraverso le varie audizioni ed esami di atti.  La relazione appare scritta in modo pacato, argomentata e supportata dalle testimonianze ascoltate.

So che a qualcuno, quanto scritto  e correttamente riportato nella relazione Mancini, non faccia piacere, ma quanto emerso nelle varie audizioni era obbligo da parte del presidente della commissione e degli stessi componenti sottolineare, in modo che in futuro possano non ripetersi almeno le stesse mancanze.

Non capisco il livore della maggioranza al governo della città, espresso in molti dei loro articoli di questi ultimi giorni. E’ una maggioranza  che non accetta, evidentemente, chi si discosta dal solco dei loro altisonanti  proclami e, purtroppo, ogni voce che non si adegua, nella democratica Senigallia,  è mal sopportata! Ogni dissenso viene fatto sempre  passare  come strumentalizzazione per fini elettorali o come espressione di persone non affidabili, bugiarde, faziose e persino indegne, come se questa maggioranza fosse l’unica dentatrice della verità e della capacità di governo. Basta leggere la relazione di Mancini per capire l’astiosità ingiustificabile di Mangialardi e dei suoi alleati.

E per favore cerchiamo di restare al contenuto se vogliamo dare soluzione a qualcuno dei problemi emersi.

 


da Luigi Rebecchini
capogruppo Gruppo Misto




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2015 alle 16:45 sul giornale del 24 gennaio 2015 - 842 letture

In questo articolo si parla di luigi rebecchini, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aepm





logoEV