Arte e diabete, si inaugura la mostra dell’Associazione dei diabetici

Tavolozza di colori per la pittura 23/01/2015 - Si inaugura sabato 24 gennaio alle ore 16.30 presso l’Expo dei Giardini della Rocca Roveresca di Senigallia una mostra fortemente voluta dall’Associazione dei diabetici di Senigallia per ricordare due amici che in passato hanno dato vita all’evento “Arte e diabete” e ci hanno lasciato una testimonianza della loro creatività.

Mi piace ricordarli e vedere in quanto hanno prodotto la volontà di andare oltre i limiti che essere diabetici apparentemente determina.

Il diabete tipo 1 è certamente una condizione che impone, e soprattutto imponeva in passato, limiti alla propria condizione di vita.
Ho conosciuto e condiviso i disagi del vivere con il diabete di Gabriele Bonazza e Dante Marini e li rivedo nelle opere esposte, nella rotondità e nello slancio delle sculture, nei materiali che hanno plasmato. Non sono esperta d’arte, ma vedo nelle loro opere il desiderio di andare oltre, di superare la sofferenza. Magari sbaglio, ma li vedo così.  Ho visto i dipinti (tantissimi) che Gabriele Bonazza teneva nascosti nel suo studio e quelli che ha prodotto nei suoi ultimi giorni di vita (alcuni potrete vederli all’interno della mostra) e non so vederci tristezza, ma voglia di andare oltre e accettazione.

Vorrei che la presentazione di queste opere portasse un messaggio positivo ai miei giovani pazienti diabetici. Né Gabriele Bonazza né Dante Marini hanno voluto esporsi, erano entrambi, seppure in modo diverso, schivi, magari “un po’ rustici” come si dice dalle nostre parti; l’arte era il loro modo di esprimere la volontà di andare oltre, di non lasciarsi opprimere dalla condizione diabete.
Condizione diabete, stile di vita: vi prego, non chiamatela malattia, ma gestiamola insieme perché non ci impedisca di esprimere il meglio di noi.
Tante mie pazienti diabetiche hanno partorito le loro opere d’arte: bambini bellissimi di cui ricordo tutti i nomi anche se non li riporto.

Un ringraziamento doveroso al Sig. Marino Pasquale Americo, pittore “per caso”, che ha voluto dare il suo contributo all’iniziativa esponendo le sue opere accanto a Bonazza e Marini.
Vi invito a dedicare un po’ del vostro tempo alla mostra che si protrarrà fino all’1 febbraio.


da Silvana Manfrini
Responsabile U.O. Diabetologia di Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2015 alle 17:41 sul giornale del 24 gennaio 2015 - 597 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, Silvana Manfrini, Diabetologia di Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aepz





logoEV