Idoneità agonistica Under 18, a Senigallia convenzionato un centro privato di medicina sportiva

Medici, medicina, salute 14/01/2015 - Pubblicato il bando dell’Asur Marche per l’individuazione di cinque nuovi centri privati convenzionati per le visite mediche per l’idoneità sportiva agonistica under 18. Un risultato importante per i giovani atleti e per le loro famiglie, nonché per il Coni Marche che da tre anni chiede l’ampliamento delle strutture di Medicina sportiva in grado di rilasciare gratuitamente il certificato di idoneità agonistica.

Una necessità per smaltire liste di attesa e richieste inevase. Solo nel 2013 sono state 10 mila gli sportivi minorenni marchigiani che non hanno trovato posto nei centri pubblici per ottenere l’idoneità all’attività agonistica e che si sono dunque dovuti rivolgere a strutture private a pagamento, nonostante la legge nazionale e regionale preveda che il servizio sia gratuito. Nelle Marche interviene ora la determina Asur dello scorso 7 gennaio per porre rimedio alla situazione, secondo l’accordo Coni-Regione.

Si parte dalla provincia di Ancona, vale a dire dall’Area Vasta 2. Con un finanziamento di quasi 182 mila euro sarà possibile convenzionare 5 centri distribuiti sul territorio, 2 per Ancona (con un tetto annuo di 45 mila euro per singolo centro), 1 per Fabriano (20 mila euro), 1 per Senigallia (30 mila euro), 1 per Jesi (41 mila euro). Un intervento che fa un passo ulteriore rispetto agli accordi stipulati tra Coni e Regione. Nell’intesa erano infatti previsti un minimo di 2 centri convenzionati per l’Area Vasta 2, che ad oggi non ne ha nessuno. Il bando fissa la disponibilità per 5 strutture private. La convenzione avrà la durata di un anno.

Lanciato il bando per Ancona, presto in arrivo quello per la provincia di Ascoli Piceno (Area Vasta 5). L’accordo regionale prevede l’accreditamento di almeno una struttura, ma pare possibile l’ulteriore ampliamento dell’offerta individuando una struttura convenzionata anche per il distretto di San Benedetto, potendo contare su una copertura finanziaria di circa 68 mila euro. Le province di Pesaro e Macerata possono già contare, invece, rispettivamente su 5 e 2 centri di Medicina sportiva convenzionati.

Soddisfatto il presidente del Coni Marche, Fabio Sturani: “Si tratta di un importante obiettivo raggiunto e che attendevamo da tempo, che libera i genitori degli atleti under 18 da ciò che era diventata una vera e propria tassa sull’attività agonistica dei ragazzi - afferma -. Se la legge prevede la gratuità delle visite per l’idoneità sportiva agonistica dei minorenni, l’incapacità delle strutture di rispondere a tutte le richieste ha introdotto di fatto un balzello di 60-80 euro all’anno per le famiglie. L’ampliamento dell’offerta del servizio gratuito, che si attuerà grazie al bando Asur e all’accreditamento delle strutture private, consente di migliorare concretamente la situazione”.

Un unico appunto al risultato. Il bando, pubblicato il 7 gennaio, prevede come termine per la presentazione delle domande da parte dei centri privati il 20.12.2014. “Evidentemente una svista - precisa Sturani -, ma che deve essere corretta al più presto per consentire la rapida conclusione dell’iter amministrativo e l’attivazione dei servizi per far fronte alle richieste di idoneità agonistica”.





Questo è un articolo pubblicato il 14-01-2015 alle 16:06 sul giornale del 15 gennaio 2015 - 1335 letture

In questo articolo si parla di sport, jesi, senigallia, ancona, fabriano, Coni Marche, Medicina Sportiva

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adZR