Il 28 aprile la giornata per le vittime dell'amianto a Senigallia

Paolo Battisti 10/01/2015 - Nell’ultimo Consiglio Comunale il Gruppo Partecipazione e Senigallia Bene Comune hanno presentato una Mozione, votata all’unanimità, per istituire a Senigallia una giornata in ricordo delle vittime dell’Amianto, che si terrà ogni anno il 28 di aprile.

Molto è stato fatto negli ultimi anni a livello pubblico per smantellare la presenza di Amianto ammalorato, ma purtroppo ancora molto altro rimane da fare. Oltre monitorare con estrema attenzione lo stato di conservazione dei manufatti pubblici contenenti Amianto, abbiamo chiesto più volte che si facesse un censimento dei manufatti privati ove sia presente questo pericoloso materiale, ma ancora nulla è stato fatto in merito. Questa sarà la nostra priorità massima una volta al governo della città, per tutelare la salute nostra e delle future generazioni. Ormai si contano a centinaia i morti e gli ammalati gravi a causa dell’Eternit. Ogni anno quindi il 28 aprile (con un costo pari a zero per la comunità) diventerà per Senigallia il giorno della ‘Memoria’, per mai dimenticare una importante fase della vita della nostra città, che ha dato tanto lavoro e benessere, ma anche dolore e morte.

ECCO IL TESTO DELLA MOZIONE:

PREMESSO: Che negli anni è stata provata scientificamente l’altissima nocività dell’Amianto per la salute dell’uomo e dell’ambiente; che centinaia di migliaia di lavoratori che hanno avuto contatti con l’amianto e che non erano stati informati del rischio al quale erano esposti, sono stati colpiti da malattie asbesto correlate (asbestosi, mesotelioma, carcinoma al polmone, enfisema polmonare..); che anche oggi la popolazione è a rischio per la presenza di amianto nell’ambiente, data la non degradabilità di questo materiale tossico-nocivo e data la mancata bonifica nei territori e ancora in diversi processi produttivi; che è previsto un numero crescente di vittime a causa dell’amianto; che, a livello mondiale, tale numero è salito a oltre 100mila morti l’anno; che in Italia si contano dai 4mila ai 5mila morti l’anno.

CONSIDERATO: Che è dal 2005 che il 28 aprile ricorre la ‘Giornata del ricordo delle vittime dell’Amianto” da quando a Porto Alegre, in Brasile, nell’ambito del Forum Mondiale sull’Amianto, fu proposta dall’ABREA (Associazione Brasiliani Esposti Amianto) una giornata da dedicare alle persone morte a causa di questo materiale. Che il Forum Mondiale dell’Amianto ha stabilito che il 28 aprile di ogni anno si debba celebrare la Giornata Mondiale Vittime dell’Amianto, allo scopo di far conoscere la catastrofe sanitaria e ambientale che l’utilizzo di questo materiale ha comportato e comporta; che il Parlamento Europeo ha votato il 24 aprile 2009 una risoluzione sull’argomento; che l’Amianto in Italia è stato messo al bando dal 1992 con la Legge n. 257; Che la produzione e l’utilizzo di manufatti contenenti amianto rappresenta una realtà di cui la cittadinanza senigalliese è ben consapevole per le malattie e i decessi verificatisi, soprattutto tra i lavoratori dello stabilimento Sacelit-Italcementi.

IMPEGNA:

Il Sindaco e gli Assessori competenti a sollecitare tutti i livelli istituzionali affinché si impegnino a:

  • Valorizzare il significato della giornata dedicata alle vittime dell’amianto, coinvolgendo le scuole di ogni ordine e grado in un momento di ricordo, intitolando poi una strada o una piazza alle vittime dell’Amianto.

  • A porre in atto tutte quelle azioni necessarie alla rimozione dell’Amianto nel territorio comunale a partire dal proprio patrimonio edilizio

Paolo Battisti e Roberto Mancini







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2015 alle 10:56 sul giornale del 12 gennaio 2015 - 765 letture

In questo articolo si parla di paolo battisti, amianto, politica, partecipazione, interrogazione consigliare, Amministrative 2015, Senigallia Bene Comune

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adPN





logoEV