La comunità senigalliese ha ricordato il primo Difensore civico Mario Luigi Severini

08/01/2015 - Mercoledì 7, nel primo anniversario della scomparsa, la comunità ha ricordato Mario Luigi Severini, Direttore generale dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Ancona, primo Difensore civico di Senigallia e Segretario generale della Fondazione Carifano.

Dopo la messa di suffragio presso la chiesa del Porto, la Sala del Consiglio comunale ha ospitato una commemorazione civile alla quale ha preso parte numeroso pubblico tra cittadini, familiari, amici, ex colleghi e amministratori pubblici, giunti da tutta la regione.

Il dirigente Severini – che si trovò a lavorare come consulente del Parlamento in tema di edilizia pubblica e ad affrontare frangenti delicati come il terremoto del 1972, la frana del 1982, l’ammodernamento e la riqualificazione di interi quartieri di Ancona e provincia – è stato al centro di una serata presentata  dai suoi nipoti, Luigi e Caterina, e dal sindaco Maurizio Mangialardi. Questi ha ricordato Severini come “un dirigente competente e onesto, dalla schiena diritta”, alternando memorie pubbliche ad altre private. Gli ex sindaci Graziano Mariani e Luana Angeloni hanno ripercorso le tappe della loro collaborazione con il primo Difensore civico, nata per il primo in “un clima politico di grande novità”, quello degli anni novanta, e, per la seconda, da “giovanissima sindaco di Monterado” che ha poi ritrovato Severini, molti anni dopo, come “autorevole Difensore civico”.

Questa figura di garanzia e terzietà tra amministratori e amministrati, ha decisamente mutato, per i cittadini, il modo di rapportarsi con l’Amministrazione comunale: nel solo primo anno di attività (1995-96), il Difensore civico Severini affrontò 1414 casi proposti da altrettanti cittadini e molte altre vertenze gestì nel lustro successivo. L’avvocato Galileo Manzi, già dirigente dello Iacp di Macerata, ha spiegato come Severini abbia anticipato, in qualità di dirigente Iacp, la figura del manager pubblico, ponendo la sua cultura di navigato amministrativista al servizio della cosa pubblica e interpretando al meglio le normative degli anni settanta e ottanta.

Fabio Tombari, presidente della Fondazione Carifano, ha sottolineato il grande contributo dato da Severini nei sedici lunghi anni trascorsi nell’ente fanese (dapprima sotto la presidenza di Valentino Valentini e poi sotto la sua), mentre l’ingegner Amedeo Grilli, già presidente della Fondazione di Fermo, ha detto come Severini è stato “l’anima e la forza” della Consulta delle Fondazioni marchigiane, “il promotore e l’organizzatore instancabile” di una realtà che si è fortemente spesa per il territorio. In chiusura sono state lette le parole che su di lui ha scritto un collega: “è stato un autentico dirigente pubblico, di quelli presenti nel nostro Paese ma che non fanno notizia, di quelli che, con il loro impegno e con la loro passione, sono in grado di fare la differenza, sempre e comunque”.   


da Associazione di Storia Contemporanea
Senigallia






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2015 alle 14:56 sul giornale del 09 gennaio 2015 - 1124 letture

In questo articolo si parla di attualità, storia, senigallia, famiglia, storia contemporanea, associazione di storia contemporanea, familiari, Mario Luigi Severini e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adKa


L'Italia soprattutto ora ha bisogno di persone come il Dott. Severini.
Per fortuna ce ne sono ancora tante.
Per sfortuna non sempre sono nei posti di comando perche' non e' il potere il loro scopo prioritario.
E questo le rende ancora piu' preziose.

Tarcisio Torreggiani

09 gennaio, 09:43
Peccato che il figlio non assomigli per nulla al Padre.