Alice Angeletti aderisce a Progetto in Comune, 'Cultura e turismo, la forza di Senigallia'

Alice Angeletti 08/01/2015 - Sono Alice Angeletti, ho 28 anni e sono una storica dell’arte. Ho studiato al liceo classico di Senigallia, per poi laurearmi nella vicina università di Urbino. Amo moltissimo la mia città natale e la storia locale, da quella più antica a quella più recente, tant’è che ho scritto le mie tesi sulla Chiesa della Maddalena di Senigallia e sulla storia della legislazione di tutela dei Beni Culturali nelle Marche.

Dopo aver svolto tirocinio presso il Museo d’arte Moderna dell’Informazione e della Fotografia “Musinf”, appena laureata ho iniziato a lavorare presso il Palazzo Mastai di Senigallia Casa Natale-Museo Pio IX, dove sono custode e guida, e dove svolgo attività di bibliotecaria, curandone anche il catalogo. Nel frattempo frequento per il terzo anno consecutivo il corso serale di cucina alla scuola alberghiera Panzini di Senigallia per diplomarmi di nuovo e coltivare l’altra mia grande passione che, dopo l’arte, è la cucina.

Conosco Maurizio da qualche tempo e quando mi ha chiesto di far parte del comitato “Progetto in Comune”, per quel che riguarda la sezione di Cultura e Turismo, ho voluto subito conoscere le persone che ne fanno parte, le idee e i progetti, che mi hanno entusiasmato, poiché penso che siamo un gruppo giovane e pieno di belle idee da realizzare per rinnovare questa città. Quindi dalla stima, e dal fatto che siamo un gruppo senza colore di partito, nasce la volontà della mia candidatura.

Ognuno di noi ha le proprie tendenze politiche, ma non abbiamo tessere di partito e crediamo che, soprattutto nel piccolo, si possa lavorare con dei principi e delle idee comuni lasciando da parte sterili scontri preconfezionati. Il mio desiderio è quello di impegnarmi per valorizzare al massimo le grandi potenzialità turistiche e culturali di Senigallia, rendendola viva in tutti i mesi dell’anno e non solo in quelli estivi, attirando sia persone da fuori regione o da fuori Italia, ma anche semplicemente da fuori città. Non dimentichiamo mai che la nostra è una città turistica e votata al servizio di accoglienza, che dunque deve privilegiare tutto quest’aspetto che ci porta ricchezza da ogni punto di vista.

In questa direzione il comune deve interagire con gli altri enti come partner pubblico che interviene direttamente, attraverso il proprio assessorato alla cultura, per creare delle sinergie virtuose. Le idee che sono nate da questo incontro con “Progetto in Comune” sono tante, ma partirei dicendo in primis che Cultura e Turismo non sono due settori che vanno distinti nell’ottica di un’organizzazione comunale. Non ragioniamo a compartimenti stagni, ma studiamo un’offerta turistica che abbia come base la qualità della valorizzazione culturale, che non è mai fine a se stessa (con la Cultura si mangia!), integriamo le nostre potenzialità valorizzando in maniera moderna e accattivante le nostre inestimabili ricchezze.

Consapevoli che all’interno del grande contenitore definito Cultura stanno dentro le più variegate sfaccettature, la base da cui partire è una visione integrata di Senigallia come Città della Cultura Storica e come Città della Cultura Contemporanea votata al Benessere della Persona, ricordandoci sempre che, non solo con la Cultura si mangia, ma che la Cultura realmente è di tutti, è un Patrimonio Comune.

 


da Lista Progetto in Comune
Maurizio Perini sindaco



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2015 alle 14:50 sul giornale del 09 gennaio 2015 - 2257 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, maurizio perini, Amministrative 2015, Progetto in Comune, Alice Angeletti e piace a Daniele_Sole michele

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adJ9


Silvia Manoni

09 gennaio, 17:39
La tesi sulla chiesa della Maddalena l'avevo fatta io un anno prima di lei. Ma non avendo conoscenze non è stata pubblicata. Così funziona in Italia!!!

Probabilmente la qualità delle due tesi è diversa!

Alice Angeletti

10 gennaio, 17:12
Ciò che scrivi è palesemente diffamatorio e falso. La mia tesi sulla Chiesa della Maddalena non è stata pubblicata, ma se mi capiterà di conoscere qualcuno che vorrà sostenere la pubblicazione del mio bel lavoro ne sarò contenta!

silvia non te arrabbiare pero.
alla fine alice mica ha fatto qualcosa di male?

Claudia Delmonte

10 gennaio, 18:09
No, in Italia funziona che c'è l'usanza di dare fiato alla bocca , dato che è risaputo e conprovato che più persone posso trattare lo stesso argomento di tesi dandogli sviluppi e sfumature diverse , approfondendo magari altri aspetti! Per cui il commento , doppio tra l'altro , mi sembra totalmente fuori luogo!

Silvia Manoni

11 gennaio, 12:22
La tesi sulla Chiesa della Maddalena di Senigallia l'avevo fatta io un anno prima di te nella stessa università. Questo che affermo non è falso. Ti chiedo profondamente scusa sulla pubblicazione della tesi ma leggendo un articolo su Vivere Senigallia, avevo visto che la tua tesi veniva presentata alla biblioteca di Marzocca e quindi ho pensato, sbagliando profondamente, che fosse stata pubblicata. Ho commentato due volte perchè non mi appariva il commento. è stato un mio errore. Scusami profondamente di nuovo. Auguri per la tua canditatura.




logoEV