Orti del Vescovo: Mangialardi, 'Pronti a partire con le gare d'appalto'

maurizio mangialardi 02/01/2015 - Il nuovo anno comincia con un cantiere che rivoluzionerà il volto di un'ampia parte del centro storico. Trovato l'accordo fra i privati, il comune è pronto per dare il via al bando per l'appalto dei lavori degli Orti del Vescovo.

Il vasto comparto compreso tra via delle Caserme, viale Cavallotti e il primo tratto dei Portici Ercolani è pronto per il restyling che porterà alla realizzazione, oltre che di negozi, soprattutto di appartamenti che saranno destinati ad edilizia residenziale pubblica. Un progetto salvato in extremis con l'accordo sottoscritto dalla proprietà che fa capo alla Diocesi, alla Fondazione Città di Senigallia (ex Irab) e all'istituto diocesano per il sostentamento del clero proprio allo scadere della data ultima del 31 dicembre, fissata dalla Regione Marche che ha stanziato un contributo di 3,5 milioni di euro.

Contributo vincolato proprio alla realizzazione di 37 alloggi che la proprietà dovrà necessariamente destinare al sociale per almeno 25 anni. Lo stesso bando, che va sotto il nome di Piperru, impone il coinvolgimento del Comune che, oltre a beneficiare di 750 mila euro di oneri di urbanizzazione, dovrà appaltare le opere pubbliche in senso stretto e di nominare la terna per il collaudo finale.

“I prossimi sei mesi saranno strategici per il nuovo volto del centro storico -spiega il sindaco Maurizio Mangialardi- con l'accordo raggiunto da tutti i privati per l'avvio del cantiere, siamo pronti per avviare le procedure di appalto. Si tratta di un grande risultato che darà una risposta alla richiesta di domanda sul fronte dell'abitazione e non solo”. Il progetto della riqualificazione degli Orti del Vescovo prevede anche la costruzione dell'ultimo tratto di porti Ercolani, quello previsto originariamente nelle piante storiche della città. Per costruire il nuovo portico sarà necessario demolire l'edificio che oggi ospita il circolo dei Cacciatori. Nelle prossime settimane partiranno anche i lavori su piazza Garibaldi e viale Cavallotti che saranno riqualificate dal Comuen grazie agli oneri di urbanizzazione.

“Il cantiere degli Orti del Vescovo non intralcerà con lo svolgimento del mercato lungo i Portici e in piazza Garibaldi né con la sosta -assicura Mangialardi- troveremo le modalità migliori per gestire i lavori senza interferire con il normale svolgimento delle attività quotidiane”.





Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2015 alle 23:45 sul giornale del 03 gennaio 2015 - 1686 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, orti del vescovo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adAe


Tarcisio Torreggiani

03 gennaio, 09:34
Il Sindaco asseconda le volontà del vescovo ed entrambi danno il via alla più grande speculazione edilizia degli ulti anni il fatto che vengano sfrattate le ACLI per Il Vescovo è secondario

Di fronte alla speculazione edilizia tutto diventa sempre secondario...
Magari a maggio, quando sarete chiamare a rinnovare la Giunta, cercate di ricordarvele queste cose, perchè lamentarsi senza cambiare non ha significato.




logoEV