Serra de' Conti: caserma dei carabinieri, in consiglio la proposta della lista civica

Caserma dei carabinieri 01/12/2014 - Nel programma dell’Amministrazione Comunale è previ sta la ristrutturazione dell’edificio di proprietà comunale sito in Via Garibaldi, ex sede Ospedale Civile – poliambulatorio dei Medici di base -, da destinare a nuova sede per la Caserma de i Carabinieri.

In Consiglio Comunale ci è stato riferito che da un a stima sommaria il progetto prevede una spesa di 880 mila €uro e che la rata di ammortamento per un mutuo ventennale si aggira intorno a 62 mila €uro. La spesa sopra indicata è stata determinata ipotizz ando un costo di 900 €/m², che è da considerare relativamente basso e abbiamo quasi certezza che il costo complessivo potrebbe essere addirittura superiore. Questa ipotesi è frutto di una scelta fatta diversi anni fa, che oggi reputiamo non più percorribile ed attuale.

L’edificio in questione si trova in una Via posta a ll’interno del Centro Storico, per di più a senso unico; come garage verrebbe utilizzato il vicino lo cale sede attuale della Pro Loco, che non risulta di facile accesso e dove forse non è possibile rico verare un’altra vettura nel caso che questa venisse assegnata alla locale Stazione.

L’Amministrazione Comunale, a fronte dell’investime nto potrebbe disporre di un canone di locazione non superiore a quello attuale percepito dalla proprietà dell’immobile di Via S. Maria, che si aggira intorno a 9.500 € all’anno. Nell’ipotesi di chiusura della Caserma dei CC di Montecarotto con accorpamento di quest’ultima a quella di Serra de’ Conti, il canone di locazione p er l’immobile di Via Garibaldi, una volta ristrutturato potrebbe contare su un canone ulteriore di altri 9.500 € circa all’anno.

In questo caso il canone di locazione dunque non po trebbe essere superiore a 19 mila € circa all’anno e comunque verrà stabilito dall’Agenzia de l Demanio con una stima appropriata, che potrebbe essere anche inferiore al limite dei 19 mi la €uro. Se l’A.C. procede ad adeguare l’edificio di Via Gar ibaldi per adibirlo a Caserma della locale Stazione dei Carabinieri ci troveremo a sostenere sul Bilancio una spesa di € (63.000 – 19.000) = € 44 mila per venti anni!

Noi non siamo assolutamente contrari a migliorare le strutture in uso alla locale Caserma dei Carabinieri, ma abbiamo fatto un ragionamento che è stato tramutato in una proposta concreta che abbiamo presentato nel corso del Consiglio Comu nale del 22 dicembre scorso. Come Gruppo Consiliare avevamo richiesto di inserir e all’o.d.g. lo stato della situazione relativo alla pratica della Caserma dei Carabinieri.

In sostanza la nostra proposta consiste nell’adegu amento dell’attuale edificio sede della locale Stazione dei Carabinieri, prevedendo la realizzazio ne di un ampliamento sui prospetti nord e ovest del fabbricato stesso. E’ possibile ampliare l’attuale edificio per una su perficie di 85 m² a piano, per tre piani, di cui un o seminterrato da destinare a uso garages. A piano terra si possono realizzare locali da destinare ad uffici , come pure il 1° piano ad uffici e servizi per i Carabinieri. La copertura dell’ampliamento potrebbe fungere da t errazza in piano a servizio dell’appartamento di civile abitazione posto all’ultimo piano dell’ed ificio esistente. La Ditta proprietaria dell’immobile a sede Caserma Carabinieri, da noi interpellata, si è dimostrata disponibile ad investire sull’immobile stesso, rist rutturando il piano Terra da destinare ad Uffici e servizi e ad effettuare opere di sistemazione esterna.

L’ampliamento di 85 m² a piano per tre piani comporta una superficie complessiva di 255 m²; per realizzare detto ampliamento si può ipotizzare un costo di circa 1.100 € a m² e quindi, un costo complessivo che si aggira sotto ai 300 mila €uro. Questo importo circa un terzo di quello stimato per la ristrutturazione dell’immobile di Via G. Garibaldi. Ora si tratta di individuare una soluzione idonea per giungere ad un accordo tra pubblico e privato in modo da raggiungere l’obbiettivo di adeguare la Caserma della locale Stazione dei Carabinieri e contenere i costi.

Indichiamo alcune soluzioni possibili: la proprietà concede il diritto di superficie l’area necessari a per realizzare l’ampliamento per un numero di anni pari alla durata del mutuo da assumere, con eventuale diritto di riscatto dell’area stessa da parte dell’A.C. alla scadenza, oppure concedere il diritto di riscatto dell’immobile realizzato alla D itta proprietaria dell’area;
altra ipotesi è quella di stipulare una convenzione con la proprietà dell’area stessa e regolare i rapporti per la costruzione dell’ampliamento in modo che sia chiaro a chi resta l’immobile alla scadenza della convenzione e a quali costi.

Abbiamo detto che in caso di intervento sull’immobi le di Via Garibaldi l’A.C. dovrà sostenere un costo di almeno 44 mila € all’anno per venti anni; nel caso della nostra proposta tale onere si ridurrebbe di un terzo, cioè circa 14 – 15 mila €uro. Con ciò l’A.C. potrebbe avere realizzare una entrata di circa 7 – 8 mila €uro all’anno per la lo cazione della parte di immobile ampliato. Di conseguenza il costo annuale che graverebbe sul Bil ancio comunale si ridurrebbe a circa 6 – 7 mila €uro all’anno per tutta la durata della locazione! Altra considerazione da fare è quella che a fronte di un mutuo ventennale non potrà essere garantita da parte della Prefettura la durata della locazione dell’immobile destinato Caserma in quanto la permanenza della Caserma stessa non è alt rettanto certa per un periodo così lungo.

E’ scontato che in una siffatta ipotesi il mancato introito sarebbe molto meno gravoso sul Bilancio del Comune, che potrebbe comunque disporre dei loca li per usi propri, compresa la locazione a terzi, fino alla scadenza dei rapporti da istaurare con il privato. Sta ora all’Amministrazione Comunale valutare la no stra proposta e mettersi attorno ad un tavolo con la proprietà dell’immobile adibito a Caserma dei Carabinieri per definire i rapporti e le modalità operative, coinvolgendo anche il Comando d ell’Arma dei Carabinieri e la Prefettura. Abbiamo ritenuto presentare questa proposta in Cons iglio Comunale perché come tutti i Consiglieri abbiamo a cuore il futuro del Paese in cui viviamo e ricercare il bene comune, nell’interesse di tutta la collettività, con lo scopo di migliorare i servizi esistenti sul territorio e contenerne i costi.

Siamo pertanto disponibili a collaborare sin da ora con la maggioranza Consiliare e a dare il nostro contributo, se ritenuto necessario, per concorrere a ricercare una soluzione che vada nel senso sopra indicato.


da Lista civica “Serra democratica e indipendente”




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2014 alle 15:35 sul giornale del 02 gennaio 2015 - 1021 letture

In questo articolo si parla di carabinieri, politica, serra de' conti, Lista civica “Serra democratica e indipendente”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adwW


Luigi Alberto Weiss

02 gennaio, 08:43
Scrivere in modo più chiaro no, eh? Per la caserma CC, cosa volete: incassare i soldi d'affitto nell'ex poliambulatorio, decisamente poco funzionale o spendere per migliorare l'edificio attuale?