Blitz in due Compro Oro di Jesi: trovati gioielli rubati ad Ostra Vetere

carabinieri senigallia Senigallia 10/12/2014 - I Carabinieri della Compagnia di Senigallia insieme ai colleghi di Jesi hanno perquisito, su mandato della Procura, due distinti esercizi di Compro oro con sede a Jesi, i cui titolari sono indagati per ricettazione “perché in qualità di proprietari di rivendite autorizzate, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquistavano o comunque ricevevano oggetti in oro di provenienza illecita”.

Nel corso della perquisizione, eseguita dai Carabinieri di Ostra Vetere, nel primo negozio di “Compro Oro” è stata recuperata una parte della refurtiva ancora in possesso degli indagati costituita da un braccialetto in oro giallo a “magline” del peso di 4,70 gr, acquistato al prezzo di 86 euro, un paio di orecchini in oro giallo,un anello in oro bianco e giallo, da cui era stato rimosso un diamante, il tutto per un peso complessivo di 4,50 grammi ed acquistati al prezzo di 83 euro.

I militari hanno accertato che i gioielli erano stati acquistati dal “Compro Oro” da una giovane coppia di ventenni, residenti ad Ostra Vetere, anch’essi denunciati per ricettazione. Invece nel secondo negozio, sempre a Jesi, i Carabinieri hanno rinvenuto i tracciamenti relativi ad altro materiale acquistato nei giorni precedenti dai due indagati e già inviato alla fusione e quindi distrutto. Infatti sono stati acquisiti i registri di carico e scarico delle compravendite e le foto effettuate ai monili di oro mandati in fusione. In particolare, gli investigatori hanno accertato che nel mese di ottobre era stato acquistato dal secondo “Compro Oro” di Jesi un orologio ed un bracciale in oro (18 kt), per un peso totale di 50,70 grammi acquistato al prezzo di 963 euro, due collane, tre bracciali in oro (18 kt), per un peso totale di 48,77 grammi acquistati al prezzo di 975 euro, una collana, un ciondolo, una carcassa di orologio e minuteria varia in oro (18 kt), per un peso totale di 29,96 grammi acquistati al prezzo di 520 euro.

I monili sono stati riconosciuti dalle vittime dei furti attraverso le riproduzioni fotografiche. Gran parte della refurtiva proveniva da un furto commesso il 15 ottobre scorso in un’abitazione di Ostra Vetere di proprietà di una coppia di Olandesi residenti in Italia. Le indagini dei Carabinieri sono ancora in corso per smascherare la rete di ricettatori del materiale trafugato con i furti nelle abitazioni.






Questo è un articolo pubblicato il 10-12-2014 alle 11:33 sul giornale del 11 dicembre 2014 - 2329 letture

In questo articolo si parla di cronaca, furti, ostra vetere, giulia mancinelli, compro oro, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acIP


Strano, non avrei mai pensato che i ladri di gioielli si rivolgessero ai compro oro per ricettare la loro merce.
...Eppure Watson me l'aveva suggerita questa ipotesi.




logoEV