Nuovo progetto di autocostruzione e co-housing a Cesanella, al via gli incontri

costruzioni 30/07/2014 - Senigallia si candida ancora una volta ad essere protagonista di un nuovo progetto di autocostruzione e co-housing con possibile contributo regionale fino a 50.000,00 euro ad appartamento. 18 gli appartamenti previsti a Cesanella con la riqualificazione di un'area già edificata che prevede la demolizione e la ricostruzione degli immobili esistenti.

C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per presentare la domanda ma nel frattempo, per spiegare ai cittadini il progetto, è stato predisposto un calendario di incontri sul territorio.

Otto gli appuntamenti previsti che si svolgeranno tutti alle ore 21.00 a partire da lunedì 4 agosto a Cesanella alla sede dell'Associazione polisportiva in Via Mantegna 2; martedì 5 agosto a Cesano all'oratorio parrocchiale in Via Strada Statale Adriatica Nord 75; mercoledì 6 agosto quartiere Pace al centro sociale Molinello 2 in Via Pierelli 5; giovedì 7 agosto a Scapezzano al circolo ARCI in Via Castello 1; lunedì 25 agosto per il centro storico all'Auditorium San Rocco in Piazza Garibaldi; martedì 26 agosto per Borgo Bicchia e Vallone al centro sociale di Vallone in Via Borgo Panni; mercoledì 27 agosto per i quartieri di Saline, Ciarnin e Sant'Angelo al centro sociale di Saline in Via Gerani 8; giovedì 28 agosto a Marzocca al centro sociale Adriatico in Via Garibaldi 14/3.

Il progetto di autocostruzione e co-housing è promosso da Consorzio ABN e Consorzio Solidarietà ( http://www.consorziosolidarieta.it/) con il patrocino del Comune di Senigallia, della Diocesi di Senigallia e dell'Istituto Nazionale di Bioarchitettura ed è rivolto generalmente a quelle famiglie dal reddito troppo alto per poter entrare nelle graduatorie di edilizia popolare, ma allo stesso tempo troppo basso per acquistare la gran parte delle abitazioni al momento sul mercato.

Fino a qualche hanno fa parlare di autocostruzione e co-housing poteva rappresentare una scelta originale, per certi versi “alternativa”, oggi costituisce una forma di abitare che rappresenta una garanzia e una tutela per i cittadini, perché mette in moto forme di reciprocità, prossimità, solidarietà, mutualità e sussidiarietà che contribuiscono a ridurre il disagio e la vulnerabilità sociale a seguito della grave crisi economica. Risulta perciò necessario, ora più che mai, immaginare nuove politiche che mettano al centro la dimensione comunitaria e la costruzione del bene comune.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2014 alle 18:56 sul giornale del 31 luglio 2014 - 1017 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/7XI