Commissione bicamerali Affari regionali: Lodolini fa inserire Senigallia e le Marche tra le emergenze

Lodolini 29/05/2014 - "Le calamità naturali si susseguono purtroppo con frequenza sul territorio italiano e occorre affrontarle, oltre che con la prevenzione, uscendo da una logica emergenziale di gestione caso per caso e assicurando nel contempo un ruolo piu' incisivo alle Regioni in materia".

E' questa la sollecitazione unanime rivolta al Governo dalla Commissione parlamentare per le questioni regionali (di cui è componente il deputato anconetano Emanuele Lodolini) , riunita sotto la presidenza di Renato Balduzzi, che ha affrontato nella seduta di stamattina il decreto-legge 74/2014 recante misure urgenti in favore delle popolazioni dell'Emilia-Romagna colpite dal terremoto e da successivi eventi alluvionali.

"E' necessario - ha esortato Balduzzi - arrivare a una nozione di 'emergenza' coerente con il significato di questa parola e che non dia luogo a situazioni che si protraggono negli anni come spesso e' capitato. Non si tratta - ha aggiunto - di una strada semplice da percorrere, ma e' giunto ormai il tempo di imboccarla con decisione". Nel dare parere favorevole al Dl 74/2014 la Commissione ha ricordato l'esistenza di altre situazioni di emergenza dichiarata sul territorio nazionale e in particolare in Lombardia e Veneto, regioni colpite dallo stesso fenomeno sismico che ha interessato l'Emilia-Romagna nel 2013, e Sardegna, Abruzzo e Marche, con specifico riferimento a Senigallia, interessate da gravi alluvioni. Proprio l'On. Lodolini, in Commissione, questa mattina è intervenuto per chiedere l'inserimento nel parere delle Marche e di Senigallia.

Proprio prendendo atto di questa situazione, la Commissione bicamerale - viene sottolineato - "ha rappresentato l'esigenza di assicurare la stessa attenzione a tutti i casi di emergenza gia' dichiarata e di prevedere iniziative legislative che razionalizzino e uniformino le procedure per l'attivazione di interventi nazionali di assistenza alle popolazioni e di ricostruzione nei territori colpiti da eventi calamitosi, definendo al meglio il ruolo delle autonomie territoriali per assicurare il coordinamento dell'azione di Governo, delle regioni e degli enti locali". Accogliere con sollecitazione la richiesta di stato di emergenza che la Regione Marche ha inoltrato il 5 maggio; destinare risorse aggiuntive per gli ammortizzatori in deroga per i lavoratori dipendenti di imprese operanti nelle zone alluvionate; destinare risorse per le popolazioni e per le imprese per superare l’ emergenza e ripristinare condizioni di normalità; una moratoria che interessi imprese e cittadini per il pagamento delle imposte. Sono queste le richieste che lo stesso Lodolini aveva avanzato al Governo intervenendo in Aula a Montecitorio, a nome del gruppo Pd della Camera, durante l’informativa del dei giorno scorsi del Governo sull’alluvione che ha colpito le Marche il 2-3 maggio


da On. Emanuele Lodolini
parlamentare Pd




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-05-2014 alle 21:01 sul giornale del 30 maggio 2014 - 542 letture

In questo articolo si parla di attualità, emanuele lodolini, roma, ancona, pd, lodolini, onorevole, deputato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/43l