Al teatro “La Fenice” successo per gli spettacoli della Mercantini nell’ambito della rassegna “Terre marine”

Maschera di teatro 29/05/2014 - “Il Teatro è l’attiva riflessione dell’uomo su sé stesso.” E’ una definizione di Novalis che in modo estremamente sintetico e chiaro racchiude il valore educativo del teatro. Riflettere attivamente, in modo concreto e dinamico su sé stessi è la ricetta base per una vita relazionale serena.

L’elemento fondamentale dell’affermazione è l’aggettivo “attiva” che accompagna il sostantivo “riflessione”: se la riflessione fosse passiva si andrebbe verso una chiusura a riccio, verso un ripiegamento su sé stessi, premessa di un’esistenza asociale e isolata. La riflessione attiva invece è paragonabile al moto della medusa che si stringe e raccoglie i tentacoli per poi allungarsi e muoversi liberamente nell’acqua.

Per rimanere in quest’immagine, il teatro è il mare in cui chi recita si esprime con tutti i suoi tentacoli, voce, sguardo, corpo e con semplicità va verso il pubblico, si apre con coraggio all’esterno, ricevendo l’applauso e il fischio, accogliendo il silenzio dell’attenzione e il brusio dell’indifferenza, passando dal buio delle quinte alla luce del palco. Il teatro dunque educa in modo sublime, è palestra di vita dove ci si allena all’ascolto, al dialogo, a misurarsi con la diversità con un solo attrezzo, sé stessi.

La scuola “Mercantini” ha ben compreso tutto ciò e grazie alla dedizione e alla passione di alcune professoresse, Carbini, Ratini, Belligni, Principetti, diversi alunni delle classi prime e terze hanno potuto compiere un percorso teatrale durante l’anno scolastico e realizzare due lavori teatrali: “Una giornata con il mio don Chisciotte” e “Come Romeo  come Giulietta”. Coraggio, avventura, libertà, sogno, passione, paura, amore, odio: questi i temi su cui i ragazzi hanno riflettuto e lavorato per interpretare due testi classici, ricercando in essi punti di contatto con la loro vita e la loro esperienza. Gli spettacoli sono stati presentati a tutti gli alunni dell’Istituto al teatro “La Fenice”, nell’ambito della rassegna “Terre marine”, martedì 27 maggio. 

Un grazie straordinario ai ragazzi e alle insegnanti che al termine di ogni anno scolastico ci regalano una mattina di scuola insolita, che ci fanno pensare, sorridere e piangere, che ci mostrano un modo diverso di stare a scuola, di insegnare e di studiare. Poi, seduti in platea, possiamo scoprire il volto diverso di un compagno o di un alunno…e allora il teatro educa anche se non siamo attori, ma semplici spettatori comodamente seduti nelle poltrone.


da Istituto Comprensivo Mario Giacomelli




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-05-2014 alle 19:20 sul giornale del 30 maggio 2014 - 505 letture

In questo articolo si parla di scuola, spettacoli, istituto comprensivo senigallia nord mercantini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/42N