'I colori sotto la polvere': alla Fenice partono i lavori della VIII edizione

area archeologica di senigallia Al via i lavori dei “I colori sotto la polvere”, VIII edizione, 2014. Si tratta, come è noto, di un’iniziativa che nasce dalla collaborazione tra Università di Bologna, Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, Comune di Senigallia, Volontariato e Scuole, destinata alla manutenzione e al monitoraggio dei Beni Archeologici della nostra città, ma anche alla formazione di giovani operatori dei Beni Culturali.

Anche quest’anno 50 ragazzi del Liceo Scientifico “A. Roiti” di Ferrara, capitanati dal prof. Giorgio Rizzoni, ideatore e “mente” di tutta l’iniziativa, lavoreranno nell’area archeologica “La Fenice” e nel nuovo sito archeologico di Via Baroccio, per la pulizia e la manutenzione dell’area e per continuare quell’azione di monitoraggio che ebbe inizio ben 8 anni fa.

Questa iniziativa assume ancora maggior significato dal momento che si pone a pochi giorni dall’alluvione che ha gravemente colpito una buona parte della città, a dimostrazione di una fortissima volontà di ripresa e di “normalizzazione” di tutte le attività cittadine, sia culturali sia turistiche.

I lavori, seguiti come sempre dalla Soprintendenza per i  Beni Culturali delle Marche (Maria Raffaella Ciuccarelli), dall’Università di Bologna (Giuseppe Lepore) e da un restauratore di fiducia (Mirco Zaccaria), inizieranno la mattina di mercoledì 28 e si concluderanno sabato 31 con una “visita” al Parco Archeologico “Città romana di Suasa”.
Durante i lavori l’area archeologica sarà aperta ai visitatori e sarà possibile osservare i ragazzi all’opera.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-05-2014 alle 18:31 sul giornale del 27 maggio 2014 - 528 letture

In questo articolo si parla di attualità, area archeologica, senigallia, Ferrara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/4QT