Corinaldo: il Borgo tra i 39 Comuni dell’Area Metropolitana Medio–Adriatica

E’ stato sottoscritto mercoledì 14 maggio, tra 39 Comuni del territorio tra cui Corinaldo, l’accordo per la Costituzione dell’Area Metropolitana Medio–Adriatica (l’area metropolitana è, per definizione, una zona circostante una conurbazione che, per numerosi servizi e prestazioni, dipende dalla città centrale con numerose, altre peculiarità).

Il Protocollo d’Intesa è stato siglato dai sindaci dei 39 Comuni, tra cui il sindaco di Corinaldo Matteo Principi, alla presenza del responsabile allo Sviluppo dei Piani Strategici del Ministero delle Infrastrutture Francesco Giacobone e di amministratori della Regione Marche e della Provincia di Camera di Commercio, Università Politecnica delle Marche, Autorità Portuale, Interporto, Aerdorica, Rfi, Anas, Erap. Al riguardo, il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli si è espressa nel seguente modo: “Un Protocollo simile ci offre la concreta opportunità di giungere al momento cruciale di un percorso intrapreso da tempo, che ci consentirà di edificare il futuro di tutta l’area metropolitana”.

Al riguardo, va specificato che le aree metropolitane riconosciute presenti in Italia corrispondono a 14. “La nostra – ha puntualizzato Sauro Moglie, direttore dell’area Territorio e Ambiente del Comune di Ancona – consiste in un’area atipica: la complessità del nostro territorio e le sue molteplici caratteristiche e potenzialità ci permettono di diventare una vera e propria area metropolitana, sostenuti in tale percorso anche dal Ministero delle Infrastrutture”.

Proprio quest’ultimo Ministero è stato, negli ultimi dieci anni, costantemente al fianco dei Comuni dell’area, perché “è interesse del Ministero sollecitare simili aggregazioni, che consentono di modulare in senso nazionale ed europeo le politiche del territorio”, ha spiegato lo stesso Giacobone, responsabile dello sviluppo di piani strategici del MIT (Ministero Infrastrutture e Trasporti). “Programmi e progetti effettuati nel nome della collaborazione – ha puntualizzato quindi Ida Simonella, assessore alla Pianificazione strategica del Comune di Ancona – ci concederà di accedere ai fondi strutturali, siano essi nazionali che europei”. Anche l’Università Politecnica delle Marche è stata coinvolta nelle finalità dell’accordo.

“Lavorare rivolgendoci, in un prossimo futuro, ad un unico interlocutore (l’area metropolitana Medio Adriatica) stimolerà anche l’Università per offrire risposte concrete al territorio. Un esempio? Il lavoro che può essere effettuato sul fronte delle “smart cities”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2014 alle 17:18 sul giornale del 24 maggio 2014 - 1022 letture - 1 commenti

In questo articolo si parla di politica, comune di corinaldo, corinaldo

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/4FJ

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Traduzione dal politichese all' italiano:
Ecco un'altra greppia per parcheggiare altri trombati politici.

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.