Buco di bilancio da 900 milioni di euro e Commissariamento di Banca Marche, gli azionisti contro i vertici

23/05/2014 - Gli azionisti privati di Banca Marche contro coloro che hanno portato l’Istituto di credito marchigiano al passivo, con un buco da 900 milioni di euro, e quindi al suo commissariamento.

La decisione di intraprendere un'azione giudiziaria comune nei confronti dei vertici di Banca Marche, dei dirigenti apicali, dei membri del c.d.a, del collegio sindacale e della società di revisione nasce- spiegano Bruno Stronati e Paolo Mariani, rispettivamente presidente e consigliere dell’associazione “Azionisti Privati Banca Marche” e Sandro Forlani, presidente dell’associazione dei dipendenti e dei pensionati del gruppo Banca Marche “Dipendiamo Banca Marche- “dalla volontà di perseguire chi ha portato danno a Banca Marche, da sempre considerata la banca del territorio, ai suoi azionisti ed anche ai dipendenti che oggi stanno subendo effetti negativi da tale gestione non certo ortodossa”.

Infatti, tengono a precisare e sottolineare gli azionisti, la loro azione volta a curare gli interessi dell'associazione e soprattutto degli azionisti, non vuole essere contro Banca Marche come Istituto. Anzi vuole tutelarla. “Chiaramente la nostra azione si limita a curare gli interessi dei piccoli azionisti - conferma Stronati- Il tutto distinguendo bene Banca Marche Istituto, che va comunque preservato, da coloro che rivestendo ruoli apicali hanno cagionato il dissesto ed i danni ai singoli”.

Pertanto l'associazione, che ha affidato all'avv. Corrado Canafoglia- coordinatore regionale dell’Unione Nazionale Consumatori- la tutela degli interessi degli azionisti, intende intraprendere l'azione giudiziaria contro i precedenti vertici di Banca Marche, i dirigenti apicali, i membri del c.d.a., il collegio sindacale e la società di revisione in tutte le sedi: penale e civile.

La mala gestione portata avanti dai vertici dell’Istituto ed i difettosi controlli di chi avrebbe dovuto operare in maniera ortodossa è la causa di tutti i problemi in cui Banca Marche si trova- ribadisce l'avv. Corrado Canafoglia- Per questa ragione non intendiamo far sconti a nessuno”.

L'associazione, che invita i piccoli azionisti privati che ancora non lo avessero fatto a prendere contatto con gli uffici dell’Associazione (via S.Francesco 73- Jesi aperti tutti i mercoledì dalle 16 alle 19. Tel 0731/200898) al fine di aderire a tale azione comune (per farlo occorre infatti essere soci  dell'associazione Azionisti Privati Banca Marche e iscriversi all'Unione Nazionale Consumatori- ndr), chiederà quindi di costituirsi parte civile nel processo penale che si sta profilando (come sta facendo Banca Marche Istituto) e metterà in campo, in sede di conciliazione, tutte le azioni necessarie per ottenere il risarcimento dei danni subiti dai 35 mila azionisti.

Siamo a disposizione della Magistratura inquirente e pronti a collaborare per far emergere tutte le responsabilità penali che dovessero ravvisarsi nell’operato di chi aveva ruoli apicali e di controllo in Banca Marche e per tutelare gli azionisti e non solo- dichiara Stronati con l'appoggio di Forlani- Le ripercussioni cadono infatti anche sui dipendenti e precari che non si sono visti rinnovare il contratto o sono stati spinti verso la via del pre-pensionamento”.

Detto questo, augurandosi che “i prossimi vertici seguano nel loro operato il buon senso e la correttezza del buon padre di famiglia, concetto a cui si sarebbero dovuti inspirare anche chi invece ci ha condotto a questa situazione”, gli azionisti e Canafoglia rassicurano “Banca Marche non rischia il fallimento, nessuno abbia paura. Piuttosto, con la nostra azione, vogliamo che l'Istituto, che era la banca regina del territorio marchigiano contribuendo al suo sviluppo sociale ed economico, torni ad essere tale”.





Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2014 alle 18:54 sul giornale del 24 maggio 2014 - 2495 letture

In questo articolo si parla di attualità, corrado canafoglia, banca marche, Sudani Alice Scarpini, Bruno Stronati, paolo mariani, Unione Nazionale Consumatori, articolo, Azionisti Privati Banca Marche, sandro forlani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4Ku





logoEV