Belvedere Ostrense: il sindaco Piccioni fa chiarezza sulla nuova ala della casa di riposo

casa di riposo 22/05/2014 - Rispetto ad alcune polemiche infondate e immotivate che in queste ore si stanno diffondendo su alcuni social network il sindaco di Belvedere Ostrense prof. Riccardo Piccion intende esprimere alcune precisazioni.

"Da un mese abbiamo inaugurato la nuova ala della Casa di Riposo, realizzata grazie al finanziamento stanziato dalla famiglia Uccellini-Amurri -ricorda il sindaco Piccioni- per questa opera abbiamo sempre ringraziato il dott. Leopoldo Uccellini, presidente della fondazione Uccellini-Amurri, che ha reso possibile l'ampliamento della struttura. Un intervento nato dalla sinergia pubblico-privata tra l'Amministrazione Comunale di Belvedere Ostrense e la fondazione Verri Bernabucci - Uccellini Amurri, che gestisce la casa di riposo.

Vicenda rispetto alla quale sono noti a tutti, anche grazie alla visibilità data dalla stampa, meriti, contributi e impegni, attribuibili ai vari soggetti interessati. Una puntualizzazione che mi vedo costretto a fare a causa di un mero errore giornalistico riportato in un recente articolo, in cui erroneamente è stato attribuito l'esporso economico al comune e non alla fondazione Uccellini-Amurri. Vale dunque la pena ribadire, semmai ce ne fosse bisogno, che l'ampliamento della casa di riposo, e come tutti i cittadini sanno, è stata finanziata dalla fondazione Uccellini-Amurri".





Questo è un articolo pubblicato il 22-05-2014 alle 15:03 sul giornale del 23 maggio 2014 - 2287 letture

In questo articolo si parla di attualità, belvedere ostrense, comune di belvedere ostrense, casa di riposo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/4Ex


Mi sembra una precisazione importante. Ma se posso dare un consiglio all'addetto stampa, farei comunicati con meno titoli accanto ai nomi. Parlare di sé stessi con i titoi accanto (prof, cav, comm, ecc) fa molto "lei non sa chi sono io".
Per come la vedo io, un ing. è ing. nei contesti in cui svolge la funzione di ing., ma quando fa, ad esempio, l'assessore, allora che sia ing., cav., o cav., non è più rilevante.