Corinaldo: disegni di vetro, incontro con la citta di Murano

16/05/2014 - Corinaldo ha dato vita ad uno di quei momenti che dovrebbero ripetersi a cadenza ciclica, tanto sono propositivi e costruttivi per cittadini, giovani e adulti.

Nello specifico, ha avuto luogo la presentazione di un progetto scolastico che ha visto la sua degna conclusione nella mostra “Disegni di vetro: Corinaldo incontra Murano”, un progetto con due principali finalità: 1) avvicinare alcuni giovani studenti alla conoscenza di un’arte ben definita come quella della lavorazione del vetro, accostandoli gradatamente al mondo dell’imprenditoria artigianale; 2) mettere in condizione cittadini, turisti, appassionati e curiosi di fruire di realizzazioni artistiche eseguite, per l’appunto, con il vetro.

Questo progetto è stato realizzato grazie alla cooperazione di più soggetti: la Banca di credito cooperativo di Corinaldo, l’Istituto comprensivo di Corinaldo, l’Amministrazione Comunale e il Comitato Nazionale dell’Association Internationale pour l’Historie du Verre. Sabato 10 maggio, a partire dalle 17,00, nella sala consiliare del Comune, è avvenuta la presentazione del progetto in questione; seguita dalla inaugurazione della mostra con il rituale taglio del nastro. Presenti, tra gli altri, il sindaco Matteo Principi, l’assessore alle politiche scolastiche Giorgia Fabri, il direttore della Bcc Mauro Tarsi, il preside dell’Istituto Comprensivo Francesco Savore e il professore Andrea Zepponi della scuola classe II A della scuola Media “G. degli Sforza” (i cui ragazzi hanno partecipato fattivamente all’iniziativa), Giuseppina Mafatti Angelantoni, presidente dell’Association Internationale pour l’Histoire du Verre e artisti di fama internazionale per la lavorazione del vetro tra cui Vittoria Perinello e Camillo Triulzi.

“E’ una manifestazione – ha esordito l’assessore Fabri – dallo spiccato valore educativo e artistico, che coinvolge tanti giovani studenti dalla cui immaginazione si sono originati i disegni riprodotti in vetro dai bravissimi artisti di Murano”. Quindi l’assessore Fabri, che per l’occasione ha rivestito pure il ruolo di moderatore della giornata dedicata a una full-immersion nell’arte del vetro, ha proseguito nella presentazione dei soggetti coinvolti nell’iniziativa. “Si può affermare che si tratta di un progetto eclettico – è stato il commento di Principi, che come prima cosa ha ringraziato tutti coloro i quali hanno reso possibile l’iniziativa – perché riguarda numerose tematiche, dalla cultura all’artigianato. Inoltre, tengo a sottolineare come la trasferta a Murano (località abbinata per antonomasia alla lavorazione del vetro, grazie alle sue fornaci dove viene lavorato tale materiale, e che i nostri studenti hanno visitato), abbia ricoperto un ruolo fondamentale. Riguardo alla mostra, si può sostenere che costituirà un adeguato punto di partenza per un prossimo futuro”.

“Già il presente – ha affermato Tarsi, proseguendo sulla stessa falsariga del primo cittadino – presenta numeri che lasciano ben sperare per un futuro migliore. Il progetto generale, di cui fa parte anche quello di cui parliamo oggi, coinvolge 1500 ragazzi provenienti da 20 scuole di tutta la regione. Ragazzi che, è giusto sottolinearlo, mettono anima e cuore in ciò che fanno”. A spezzare un’ulteriore lancia in loro favore, quindi, è intervenuto il preside dell’Istituto Comprensivo Francesco Savore: “Un simile lavoro si è rivelato particolarmente utile per aumentare l’aggregazione tra ragazzi, considerato che si sono aiutati reciprocamente grazie a una partecipazione all’insegna della democrazia e della collaborazione. Cosa importante da sottolineare, è che almeno la metà dei proventi derivati dalla vendita del catalogo della mostra sarà destinata alla solidarietà, ovvero alla “Casa della Gioventù” di Senigallia”. E’ poi intervenuto il professore Andrea Zepponi, che si è accollato la responsabilità di coordinare il progetto con i suoi ragazzi: “Una simile iniziativa non sarebbe stata possibile senza la collaborazione interdisciplinare degli insegnanti e all’entusiastica partecipazione degli allievi. Riguardo al lavoro e al materiale utilizzato dai ragazzi, per ispirarsi ai loro disegni, la loro immaginazione si è esercitata sulla lettura del libro “Il Pranzo di Babette” di Karen Blixen. A questo proposito, sottolineo che non ci siamo serviti dei personaggi più in vista del racconto ma, al contrario, abbiamo utilizzato altre sfumature, che potevano ulteriormente stimolare la creatività dei ragazzi”.

Infine, lo studente della II A Myftiu Reard, giovane “presidente” della Cooperativa nata a seguito del progetto in parola, ha successivamente letto una lettera che ha illustrato ai presenti i punti salienti delle varie fasi del lavoro dei ragazzi. “Coinvolgere i ragazzi nella lavorazione del vetro – ha quindi concluso il dibattito Giuseppina Malfatti Angelantoni – coincide con qualcosa di magico. Sono davvero orgogliosa di aver partecipato ad una simile iniziativa”. La mostra “Disegni di vetro”, allestita presso la Pinacoteca Comunale, situata in largo XVII Settembre, sarà fruibile tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19 fino a lunedì 2 giugno.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2014 alle 23:08 sul giornale del 19 maggio 2014 - 762 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di corinaldo, corinaldo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/4lH