Ostra: Andrea Storoni (Vivere Ostra), 'Olivetti approfitta dell'incontro con Autorità di Bacino per farsi propaganda'

Andrea Storoni (lista civica vivere ostra) 15/05/2014 - Ad Andrea Storoni, candidato sindaco per la lista Vivere Ostra, l’invito del sindaco uscente Olivetti è arrivato con una telefonata alle 17,30 dell’altra sera (12 maggio). Mezz’ora prima dell’incontro in Comune con Autorità di Bacino e Protezione Civile e con l’assessore regionale Paola Giorgi, nelle cui competenze rientrano difesa del suolo e protezione civile.Ad Andrea Storoni, candidato sindaco per la lista Vivere Ostra, l’invito del sindaco uscente Olivetti è arrivato con una telefonata alle 17,30 dell’altra sera (12 maggio).

Mezz’ora prima dell’incontro in Comune con Autorità di Bacino e Protezione Civile e con l’assessore regionale Paola Giorgi, nelle cui competenze rientrano difesa del suolo e protezione civile. Storoni è impegnato altrove, ma, malgrado il minimo preavviso, in sua vece va Moris Mansanta candidato in lista e capogruppo della minoranza uscente.

La riunione, a detta di Olivetti, serviva per ringraziare i due organismi regionali della gestione dell’emergenza alluvione. Non si sa se era su invito o pubblica. All’albo pretorio o sul sito del Comune non c’è traccia neppure di un avviso. In ogni caso, in sala è presente anche il comitato NoBiogas. Forse spontaneamente, forse invitato, di sicuro non per caso. Nessuno, invece, c’è per Energon, la srl concessionaria della licenza.

Olivetti sente l’umore dell’uditorio e, trasformando la riunione in un meno nobile comizio, sfrutta a proprio vantaggio la disgrazia dei concittadini. Cerca la bella figura con l’assessore Giorgi e la legittimazione delle autorità, ma quello che gli preme è, evidentemente, riparare con i NoBiogas e accattivarsene la benevolenza elettorale, dimenticando anche le annunciate parole di gratitudine.

E’ lui infatti che, non esercitando i poteri che la legge riconosce al sindaco come autorità sanitaria, ha avvallato un percorso. Azione che una sentenza del TAR ha già contestato per il modo troppo poco scrupoloso. E su cui Olivetti aveva già cercato di mettere una pezza, con un voltafaccia che aveva portato alle dimissioni di un assessore fra i suoi più stretti. Facendo però poi inspiegabilmente scadere i termini per fermare l’iter autorizzativo. Non è poco, soprattutto se si pensa che nel comitato NoBiogas ci sono molti suoi (ex) elettori.

L’occasione del 12 maggio era quindi per il sindaco una via d’uscita a buon mercato. Tanto da chiedere all’Autorità di Bacino di togliergli la castagna dal fuoco revocando d’autorità quella concessione che lui ha rilasciato.

In effetti, replicano i responsabili dell’Autorità, si potrebbe fare. Ma solo se le verifiche, dimostrando insufficienti ulteriori opere di messa in sicurezza, costringessero a vincolare al PAI, Piano di Assetto Idrogeologico, tutta l’area. Nel qual caso, trattandosi dell’area ZIPA, ciò coinvolgerebbe non solo l’impianto Biogas, ma tutti gli altri insediamenti produttivi e lotti del quadrato. Con buona pace di imprese e cittadini.

“Le grandi aspettative sono il preludio della delusione, e di fiducia nel sindaco uscente - commenta lapidario Andrea Storoni a nome della lista Vivere Ostra - ne abbiamo tutti sempre meno. La sua lista vinse vantando ‘esperienza, trasparenza e partecipazione’. Erano solo parole, così per dire, nulla più di uno slogan. Ce ne eravamo già accorti, sennò ora la situazione sarebbe un'altra”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2014 alle 17:06 sul giornale del 16 maggio 2014 - 1376 letture

In questo articolo si parla di politica, ostra, andrea storoni, lista civica Vivere Ostra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4eT





logoEV