Fiorentina-Torino: per i granata l’ultimo biglietto per l’Europa passa da Firenze

Pallone da calcio Fiorentina-Torino non è una partita come tutte le altre. Il campionato giunge al termine con la 38/a giornata e ancora un verdetto dovrà essere emanato, quello dell’ultimo posto utile per centrare l’Europa League.

I ragazzi di Giampiero Ventura sognano in grande dopo un campionato al di sopra delle aspettative, e tentano l’ultimo affondo per staccare il biglietto per una competizione europea a cui non partecipano dal lontano 1993/1994, a parte la parentesi Intertoto del 2002. Cinquantasei punti frutto di un ruolino di marcia davvero notevole fatto di 14 vittorie, 11 pareggi e 11 sconfitte. Ma dietro le altre pretendenti non staranno a guardare: Parma, Milan ed Hellas Verona hanno ancora speranze, anche se esigue, di raggiungere l’obiettivo, con i crociati che godono dei favori dei pronostici degli analisti di quote di scommesse sul calcio betfair. I granata dunque devono conquistare i 3 punti contro la squadra di Vincenzo Montella, ormai matematicamente in Europa League visto il quarto posto solitario in classifica a quota 64 punti.

I precedenti in serie A tra le due compagini ammontano a 64, con 39 vittorie per i padroni di casa, 25 pareggi e solo 9 successi per gli ospiti. L’ultima vittoria dei viola risale a un anno fa, 33/o turno: un 4-3 firmato Cuadrado, Aquilani, Ljajic, Barreto, Santana, Cerci e Romulo. Per il Torino invece bisogna fare un salto indietro di 36 anni: giornata numero 4 della stagione ‘77/’78, finì 1-0 grazie al gol di Ciccio Graziani. La vittoria più ampia della Fiorentina è datata stagione ‘94/’95, 32/a giornata: finì 6-3 grazie alle doppiette di Batistuta, Marcio Santos, Rizzitelli e le altre reti di Pellegrini, Tedesco e Rui Costa. L’ultimo largo successo granata invece risale a ben 67 anni fa, campionato ‘46/’47, quando il Grande Torino tornò a casa vittorioso per 4-0: le reti di Ferraris, Mazzola, Castigliano e Loik.

Tante le reti segnate in terra toscana, ben 149, con la Fiorentina in netto vantaggio a quota 94 e 55 per i piemontesi. Gli appassionati di scommesse sul calcio online di questo blog ricordano come si segni maggiormente nel secondo tempo: 89 palle in rete rispetto alle 60 della prima frazione di gioco. Ed è sempre la Fiorentina a segnare maggiormente: nei primi 45 minuti di gioco i viola hanno gonfiato la rete 39 volte conto le 21 della squadra ospite; nella ripresa invece 55 volte contro le 34 dei granata.

Montella confermerà Rosati tra i pali così da preservare un Neto ancora malconcio per l’infortunio alla mano, mentre è quasi sicuro il rientro di Tomivic e quello di Giuseppe Rossi dal primo minuto. Ancora in forse invece l’impiego di Mario Gomez, che potrebbe entrare a gara in corso. Problemi più gravi per Ventura che per squalifica non avrà il capocannoniere di questa serie A, ben 22 gol in solitaria, vero trascinatore granata di questa stagione: Ciro Immobile. Stessa sorte per Bovo. Toccherà a Meggiorini caricarsi la responsabilità in attacco, in collaborazione con Cerci.

Queste le probabili formazioni:

Fiorentina (4-3-3) Rosati; Tomovic, Rodriguez G., Savic, Pasqual; Aquilani, Pizarro, Valero; Joaquin, Rossi, Cuadrado
Torino (3-5-2) Padelli; Rodriguez, Glik, Moretti; Maksimovic, Kurtic, Vives, El Kaddouri, Darmian; Cerci, Meggiorini





Questo è un articolo pubblicato il 16-05-2014 alle 16:18 sul giornale del 16 maggio 2014 - 361 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di sport, redazione, calcio, articolo

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/4kp

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.