L’Associazione di Storia Contemporanea al Salone del Libro di Torino

libri 08/05/2014 - Al XXVII Salone Internazionale del Libro di Torino, uno spicchio di Senigallia e delle Marche sarà rappresentato dall’Associazione di Storia Contemporanea, presente per il quarto anno consecutivo.

L’Associazione, la cui sede amministrativa si trova a Senigallia in via Chiostergi 10, sarà presente con un proprio stand e proporrà sei delle sue ultime pubblicazioni. Si parte dal nuovissimo “La Settimana rossa” (Aracne, Roma 2014, pp. 416, a cura di Marco Severini) che, a distanza da mezzo secolo dall’unico libro in oggetto (pubblicato dallo storico romagnolo Luigi Lotti), ricostruisce a livello nazionale quella storica settimana di agitazioni, scioperi e insurrezioni che mise a dura prova lo stesso capoluogo miseno.

L’impegno associativo è reso possibile dal sostegno dei Centri Mazziniani di Senigallia e Jesi, dell’A.M.I. di Senigallia e del Ristorante “Pomodoro” della località misena. Nella cinque giorni torinese saranno, inoltre, presentati i libri del 2014 che hanno già riscosso grande successo come “Una regione e i suoi campi” di Giuseppe Morgese e Daniele Duca; novità assolute come “Moravia e il cinema. Una rilettura storica” di Silvia Serini, “L’impegno politico e intellettuale delle donne nel Novecento”, a cura di Lidia Pupilli ed Emanuela Soldini e “Guerra, ricostruzione, Repubblica (1943-1953)”, a cura di M. Severini, libro che analizza un decennio fondamentale per la ripresa post-bellica della nostra regione.

Infine ci sarà spazio, ancora, per parlare del n. 4 della rivista “Storia delle Marche in età contemporanea” nel quale si affrontano significative tematiche marchigiane dell’Otto e del Novecento: tra i saggi di quest’ultimo numero meritano una particolare citazione quelli di Omar Colombo sul costituente corinaldese Tommaso Ciani, di Francesco Domizi sul ’68 a Macerata, di Luigi Mossuto sulla nuova coscienza digitale, di Sara Calcatelli sulla parabola di una famiglia marchigiana nel Novecento e di Chiara Pasquinelli sull’impegno politico e parlamentare di Aroldo Cascia; infine, non ultimo, un articolato saggio affronta l’impegno politico, umano e culturale di Giovanni Monti Guarnieri (1894-1963), sindaco, podestà e intellettuale della Senigallia novecentesca, autore degli “Annali di Senigallia”.


da Associazione di Storia Contemporanea
Senigallia




Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2014 alle 10:36 sul giornale del 09 maggio 2014 - 880 letture

In questo articolo si parla di libri, cultura, storia, senigallia, storia contemporanea, associazione di storia contemporanea

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3Ly





logoEV