San Severino: Martini invia un messaggio al sindaco Mangialardi, solidarietà e vicinanza ai senigalliesi

Cesare Martini 07/05/2014 - Il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, ha inviato un messaggio di solidarietà al collega primo cittadino di Senigallia, Maurizio Mangialardi, per esprimere la vicinanza dell’intera Amministrazione e dei settempedani alla popolazione senigalliese nel giorno in cui si dava l’addio a uno dei tre anziani vittime dell’esondazione del Misa.

“Vivo con te – ha scritto Martini a Mangialardi – il dramma dell’emergenza che ha colpito la tua comunità. Come Comune siamo intervenuti con i nostri volontari del gruppo di Protezione Civile e con quelli dell’Associazione Nazionale Carabinieri per dare una mano nell’opera di soccorso ma vorrei che giungesse a tutti i cittadini, a te, agli assessori, ai consiglieri, l’espressione di vicinanza che sono qui a rappresentare. Il coraggio e la caparbietà insiti nel carattere dei marchigiani – ha concluso Martini - sapranno essere d’aiuto anche in questo momento così duro”.

Insieme alle squadre dei volontari del gruppo comunale di Protezione Civile da San Severino Marche, in piena emergenza, sono partiti anche i membri dell’Associazione Nazionale Carabinieri guidati dal coordinatore Francesco Cicconi, dal presidente Decio Bianchi e dal socio Domenico Padella. L’Anc settempedana ha svolto un importante ruolo nella sorveglianza e nelle attività di viabilità.

“Ho prestato servizio di volontariato sia a L’Aquila, nel 2009, che in Emilia, nel 2012, e purtroppo anche a Senigallia – racconta il vice presidente dell’associazione, Francesco Cicconi - ho “incrociato” gli sguardi di persone che hanno perso molto. Ho visto però questi nostri concittadini, marchigiani come noi, non piangersi fin da subito addosso. Hanno iniziato, invece, a lavorare a testa bassa”.

“La cosa che mi ha colpito di più – sottolinea invece Domenico Padella – è stato il numero impressionante di gruppi di giovanissimi, ragazzi e ragazze, che aiutavano queste persone, in qualsiasi lavoro, e come alla sera, andandosene erano sporchi di fango da capo a piedi ma erano visibilmente contenti dell’opera prestata a queste persone colpite da un così triste evento”.


 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2014 alle 16:07 sul giornale del 08 maggio 2014 - 498 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/3HD