La solidarietà di Alleanza Cooperative agli alluvionati

Martedì Senigallia si è fermata per il lutto cittadino e noi ci fermiamo simbolicamente insieme a tutta la sua comunità.

Tutti i soci e i lavoratori delle cooperative dell’Aci – Alleanza cooperative italiane delle Marche esprimono la più profonda solidarietà e vicinanza a questa meravigliosa città che deve affrontare le conseguenze di questo drammatico episodio meteorologico ma che, ne siamo certi, saprà rialzarsi in brevissimo tempo per affrontare con forza anche la prossima stagione turistica.

Noi, come Centrali cooperative, saremo a fianco di tutti i cittadini, delle istituzioni, di tutte le forze economiche e sociali e delle nostre cooperative attive sul territorio, espressione e fiori all’occhiello del nostro movimento. Passato il primo momento di emergenza, per ricostruire al più presto le condizioni della normalità, chiediamo alla Regione Marche di accelerare il più possibile, nei necessari tempi tecnici, il completamento della richiesta di stato di emergenza e di calamità naturale per il settore agricolo ma soprattutto al Governo di accogliere la richiesta corale che arriva da tutta la nostra regione, in primis dal territorio di Senigallia, per stanziare al più presto i fondi previsti dalla legge per risanare i danni subiti, di vitale importanza per poter riportare questa città, il suo comprensorio e la sua economia allo splendore e al protagonismo che la caratterizzano.

Allo Stato, alla stessa Regione ma anche a tutti gli Enti locali chiediamo di attuare una politica di programmazione degli interventi sul territorio per la necessaria manutenzione e prevenzione dei fenomeni di dissesto idrogeologico, di esondazione dei fiumi e di erosione delle coste. La manutenzione del territorio, come abbiamo sempre sostenuto, è la più importante opera pubblica che il nostro Paese e la nostra regione si meritano.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2014 alle 21:20 sul giornale del 07 maggio 2014 - 1073 letture - 1 commenti

In questo articolo si parla di attualità, Confcooperative

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/3Fo

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW

Oltre alla solidarietà, già data ed ora confermata, ai cittadini di Senigallia la mia va anche ai lavoratori sfruttati delle solite cooperative arroganti che offendono i diritti dei soci lavoratori a Piacenza nelle varie vertenze dei nuovi facchini - schiavi.

Vuoi commentare questo articolo?


In caso di dati non veritieri o incompleti il commento verrà sconsigliato.