Alluvione, Coldiretti: 'Quinta calamità in 4 anni, ora serve piano prevenzione'

alluvione nelle marche 04/05/2014 - In quattro anni l’agricoltura marchigiana si è trovata ad affrontare cinque calamità naturali, ed è ormai necessario pensare a un piano di prevenzione per potenziare lo strumento delle assicurazioni ma anche per porre un freno al consumo di suolo, con il cemento che ha ormai ricoperto circa 900 km quadrati.

Ad affermarlo è la Coldiretti, con le colture ancora sott’acqua e i campi invasi dal fango. A preoccupare nel senigalliese e nella provincia di Ancona è soprattutto la situazione del grano e degli ortaggi, a rischio asfissia, con i terreni che non torneranno comunque praticabili prima di una settimana.

Ma quelli che si trovano in pianura rischiano di restare off limits anche per una ventina di giorni, sommersi da melma e detriti. A tenere in ansia gli agricoltori, dal Piceno fino al Pesarese, è anche la situazione delle coltivazioni di girasole, dove occorre capire fino a che punto le abbondanti piogge hanno spazzato via le sementi appena messe a dimora. Ma è tutto da valutare anche lo stato delle frane che hanno interessato i terreni collinari e le strade interpoderali.

L’alluvione di questi giorni è il quinto evento calamitoso a colpire l’agricoltura regionale. Si è iniziato con l’alluvione del 2011, mentre l’anno dopo fu contraddistinto dalle eccezionali nevicate di febbraio, cui seguì una disastrosa siccità estiva. Nel 2013 a colpire è stato ancora il maltempo con piogge torrenziali che hanno interessato il territorio a novembre.

“Ora è arrivata questa nuova alluvione e conferma del fatto che i cambiamenti climatici rendono sempre più elevato il rischio di calamità naturali che devastano il territorio – sottolinea il presidente di Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante -. E’ per questo che occorrerebbe prevedere nuovi strumenti di prevenzione, promuovendo il sistema di assicurazione contro i danni nelle campagne, anche utilizzando il nuovo Piano di sviluppo rurale”.

Ma, secondo Coldiretti, serve anche frenare il consumo di suolo che vede oggi cementificato il 10 per cento del territorio regionale, mentre nel giro di un quinquennio hanno cambiato destinazione ben 55mila ettari di terreno agricolo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2014 alle 21:36 sul giornale del 05 maggio 2014 - 1363 letture

In questo articolo si parla di attualità, alluvione, senigallia, pesaro, marche, coldiretti, Vallesina, piceno, coldiretti marche, alluvione nelle marche, piano prevenzione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3vY


Non pensate che un po' di colpa di quel che succede sia anche degli agricoltori?
Tutti gli alberi, i fossi e le siepi che ornavano il territorio marchigiano (vedi foto di Giacomelli in primis) e che frenavano le precipitazioni che negli ultimi 50 anni sono stati rimossi in nome della meccanizzazione agricola forse c'entrano qualcosa sia con i cambiamenti climatici ma soprattutto con le frane del territorio e le onde di piena che i fiumi portano appena piove un po'....

è ora di ripensare il modo di coltivare le colline marchigiane! tutto quel fango trascinato da fiume Misa viene dai terreni privi di vegetazione e mal regimati!




logoEV