Corinaldo: la “Festa dei Folli” candidata ad essere uno dei tratti distintivi del Comune

festa dei folli 30/04/2014 - Considerati l’enorme afflusso di persone intervenute, il generale clima di allegria e divertimento che hanno contraddistinto l’intero periodo di festa, la professionalità con cui ogni volontario ha portato a termine il proprio incarico e molte altre componenti, si può asserire che la “Festa dei Folli”, giunta quest’anno alla sua seconda edizione, presenta tutte le carte in regola per assurgere, nel tempo, a uno dei tratti distintivi di Corinaldo.

La manifestazione, andata in scena gli scorsi 25 e 26 aprile, è stata definita “una manifestazione di Corinaldo che avrà ricadute positive su tutto il territorio limitrofo” dall’assessore alla Cultura Giorgia Fabri, e “un evento tutto corinaldese” dal sindaco Matteo Principi. Parole decisamente appropriate, per questo evento promosso dal gruppo storico “Combusta Revixi” e dall’associazione “Pozzo della Polenta”, a supporto di cui sono intervenute varie associazioni locali. Ciò che ne è conseguito è stato qualcosa di veramente unico, a cominciare dall’evento che ha monopolizzato la prima giornata di festa: “The Crazy Color Run”, “pazza” e colorata corsa snodatasi per le vie di tutto il centro storico.

Un’autentica moltitudine di persone ha preso parte all’avvenimento: già fin dalle prime ore del pomeriggio di venerdì scorso, centinaia di persone si sono accalcate e aggregate in interminabili code per potersi iscrivere all’iniziativa. Un esplosione di colori, quindi, ha caratterizzato il “paese più bello del mondo”: ogni atleta in gara, infatti, poco prima della partenza è stato fornito di un sacchetto di mais colorato da gettare in aria, vivacizzando ancor di più l’atmosfera).

Al riguardo, inoltre, c’è da dire che anche l’edizione 2014 presentava un momento riservato esclusivamente alla beneficenza: la manifestazione è stata infatti contraddistinta da “In ricordo di Saccio”: su indicazione di Vittorio Saccinto e Simonetta Pelliccia, i genitori dello sfortunato Francesco, parte dei guadagni sono stati devoluti a favore dell’associazione onlus “I Giardini degli Angeli”. La prima serata, successivamente, si è conclusa in Piazzale della Liberazione, ritrovo della manifestazione. Che, il giorno successivo, è proseguita sulla falsariga del precedente: già dal mattino, numerose persone hanno cominciato ad affollare le vie del centro storico di Corinaldo.

Per giungere, quindi, all’avvenimento principale della giornata: la III Parata Nazionale della Bandiera under 18, definito “un momento di sana competizione” da Francesco Spallacci, membro della Lega Italiana Sbandieratori (LIS). Tra gesti che sono risultati essere un sapiente mix di abilità e tecnica, i numerosi sbandieratori in gara hanno emozionato la folta platea, che si è gustata l’esibizione in un momento davvero rilassante, tanto si è rivelata piacevole. La musica di Radio Arancia Network, quindi, ha concluso definitivamente la manifestazione 2014: l’appuntamento, nessun dubbio al riguardo, è per l’edizione 2015.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2014 alle 18:25 sul giornale del 02 maggio 2014 - 1199 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di corinaldo, corinaldo, festa dei folli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/3kF