Mangialardi sulla chiusura della Ada Bianchi: 'Grave perdita per la collettività'

scuola ada bianchi 2' di lettura Senigallia 12/02/2014 - “Una grave perdita per la città e per la pluralità dell'offerta formativa”. Commenta così il primo cittadino la notizia della chiusura, a fine anno scolastico, della scuola materna paritaria Ada Bianchi. La storica scuola della diocesi, dopo sessant'anni, chiuderà infatti i battenti.

Una decisione maturata a seguito dell'acuirsi della crisi e dei sempre minori trasferimenti stanziati a sostegno delle scuole paritarie.

“L'annuncio della chiusura della Ada Bianchi rammarica tantissimo e rappresenta una grave perdita per tutta la comunità -afferma il sindaco Maurizio Mangialardi- consola però il fatto che non ci sarà la perdita dell'istituzione stessa grazie al mantenimento della San Vincenzo”. Nell'annunciare la chiusura della Ada Bianchi, infatti, suor Anna Terenghi, Superiora generale della Congregazione delle Serve di Gesù, ha precisato che i bambini attualmente iscritti alla Ada Bianchi confluiranno all'interno della San Vincenzo, altra scuola materna e nido paritaria della diocesi di Senigallia. Un modo per non disperdere “l’esperienza, la ricchezza e la sensibilità educativa della scuola Ada Bianchi”.

Con la scuola San Vincenzo i contatti erano iniziati già nel passato e lo scorso anno la struttura della Ada Bianchi aveva accolto i bambini della San Vincenzo per via dei lavori ai locali del centro storico. “Il prosieguo del percorso educativo all'interno della San Vincenzo garantisce la sopravvivenza dell'offerta formativa cattolica all'interno del più ampio bacino scolastico cittadino -prosegue Mangialardi- la scuola pubblica è composta da tante sensibilità diverse che ne costituiscono la sua stessa ricchezza”.

Una decisione che, sebbene sembri irreversibile, Mangialardi auspica possa essere “magari transitoria”. A partire dal nuovo anno scolastico dunque la San Vincenzo sarà articolata nella scuola dell’infanzia (3 - 6 anni), sezione primavera (24-36 mesi) e centro per l’infanzia (16-36 mesi).






Questo è un articolo pubblicato il 12-02-2014 alle 17:13 sul giornale del 13 febbraio 2014 - 3621 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Ypn





logoEV
logoEV