Corinaldo: materiale pedo-pornografico sul proprio Pc, un sequestro

polizia postale 1' di lettura 05/12/2013 - Detenzione e divulgazione di materiale pedo-pornografico audio e video. La Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno arrestato tre persone ed eseguito diverse perquisizioni. Due anche nelle Marche: Ancona e Corinaldo.

L'inchiesta, eseguite da personale del Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma con la collaborazione dei colleghi di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria e Veneto, è partita dalla segnalazione della Polizia Criminale Tedesca di Hannover di alcuni indirizzi IP riconducibili ad utenti italiani che avrebbero detenuto, condiviso e divulgato materiale pedo-pornografico.

Pertanto, a seguito degli accertamenti che hanno permesso di risalire alle utenze telefoniche che hanno effettuato accessi al software per l'acquisizione dei file pedopornografici, la Polizia ha denunciato 53 persone ed effettuato numerose perquisizioni in tutta Italia. Due anche nelle Marche e precisamente ad Ancona e Corinaldo.

Nel corso dell'attività sono stati sequestrati 82000 Gb di materiale pedo-pornografico, 11.500 immagini e 3.500 video. Tutto materiale raffigurante minori al di sotto dei 10 anni (anche al di sotto dei 5 anni), di ogni sesso, durante rapporti sessuali con adulti di età compresa tra i 25 ed i 75 anni.

Le indagini sono ancora in corso.






Questo è un articolo pubblicato il 05-12-2013 alle 15:38 sul giornale del 06 dicembre 2013 - 6178 letture

In questo articolo si parla di cronaca, corinaldo, ancona, computer, Sudani Alice Scarpini, polizia postale, materiale pedo-pornografico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Vyh





logoEV