Perini: in prima commissione il memorandum Sicurezza Condivisa

Maurizio Perini 2' di lettura Senigallia 25/11/2013 - Come consigliere che ha sollevato in maniera forte il tema della sicurezza, ben prima della escalation di episodi criminosi che stanno facendo crescere l’allarme sociale nella nostra città, ho in queste settimane proseguito l’attività di ascolto dei cittadini e da essi ho ricevuto una serie di suggerimenti che ho inteso portare a conoscenza della commissione convocata dal presidente Fiore proprio sul tema sicurezza, attraverso un memorandum che ho chiamato “sicurezza condivisa”.

Di fronte ad episodi che preoccupano e fanno male ai nostri concittadini occorre innanzitutto condivisione di idee e soluzioni; rendere insomma partecipi i cittadini e soggetti attivi nelle loro possibilità di un piano di contrasto. Questi alcuni dei temi toccati dai cittadini rivoltisi a me: Implementare il servizio notturno di pattugliamento, anche su base volontaria reperendo altrimenti le risorse economiche dal gettito derivante dalle multe elevate a seguito delle violazioni del codice della strada.

Promuovere una campagna informativa in ciascun centro sociale, ufficio pubblico e soprattutto mediante affissioni di manifesti e comunicati sui quotidiani o sui periodici comunali, volta a prevenire le truffe nei confronti delle persone meno giovani. Organizzare corsi gratuiti per la difesa personale dei cittadini in ciascun centro sociale della città utilizzando il personale interno al corpo di Polizia Municipale. Favorire quelle forme di aggregazione sociale cd.”passeggiate di controllo” che liberi cittadini, opportunamente formati e registrati , possano mettere volontariamente in atto al fine di rendere più sicure alcune zone della nostra città, in maniera similare a quanto accade per il pattugliamento posto in essere dal Corpo di Protezione civile(…)ovvero di garantire una presenza rassicurante in situazioni di particolare esposizione al rischio(giorni di ritiro della pensione etc)

Migliorare le condizioni di illuminazione di alcune aree della città, laddove la presenza di alberi non adeguatamente potati, rende bui alcuni tratti stradali e di accesso alle abitazioni, favorendo così indirettamente la commissione dei crimini contro la persona e il patrimonio; Coinvolgere le associazioni di categoria nella determinazione dei piani di sicurezza della città, in modo che ciascuna attività commerciale esistente sul territorio sia presidio di sicurezza per i cittadini. La complessità dei temi toccati e la volontà di rendere il più proficua possibile la commissione mi hanno spinto a richiedere la presenza alla stessa anche del Sindaco e dell’assessore ai lavori pubblici nonché delle associazioni di categoria.



...

...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2013 alle 11:32 sul giornale del 26 novembre 2013 - 957 letture

In questo articolo si parla di attualità, udc, maurizio perini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/U1g