Animali: la Amati e le senatrici Pd e Sel scrivono alla Bonino e a Grasso

Silvana Amati 1' di lettura Senigallia 12/09/2013 - "Abbiamo appreso dalla stampa, con grande sconcerto e profonda tristezza, la determinazione del Parlamento rumeno sull'approvazione della legge che autorizza la soppressione dei cani randagi.

Le Associazioni animaliste, da tempo attive anche in territorio rumeno, hanno sottolineato come una precedente legge che prevedeva tale misura fosse già stata dichiarata incostituzionale e che sterminare i randagi non ha mai risolto, e non risolverà mai, il problema del randagismo".

E' quanto si legge in una lettera firmata dalle senatrici del Partito Democratico Silvana Amati, Monica Cirinnà, Manuela Granaiola e dalla senatrice di Sel, Loredana De Petris e inviata al presidente del Senato Pietro Grasso e al ministro degli Esteri Emma Bonino, perché si interessino di tale situazione con il governo rumeno e nelle opportuni sedi europee.

"Il randagismo si combatte unicamente con una seria politica di sterilizzazioni e di adozioni, come dimostra, del resto, proprio la positiva esperienza delle associazioni che operano in Romania e che in questo modo sono riuscite ad ottenere risultati molti importanti. Noi - concludono le senatrici - fedeli al dettato della Carta di Lisbona che riconosce gli animali come esseri senzienti, riteniamo questo sterminio di massa votato dal Parlamento rumeno una misura inaccettabile e contraria ad ogni principio di civiltà".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-09-2013 alle 12:28 sul giornale del 13 settembre 2013 - 2058 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/RDZ


So di rischiare i rimproveri degli animalisti, ma in un giorno in cui le notizie principali riguardano le persone che muoiono perché non si fa rispettare il codice della strada, possibile che i nostri senatori non abbiano di meglio da fare che pensare ai cani randagi in Romania?

mino Utente Vip

13 settembre, 18:01
Ma questa signora, Senatrice della Repubblica, si rende conto di aver perso il contatto con la realtà?
Con tutti i problemi che affliggono questo paese, deve proprio preoccuparsi dei cani randagi e delle leggi rumene?
Forse vive su Marte?

Ma quanto benaltrismo!
Se esiste un problema più grosso non vuol dire che il primo problema non esista. Voi vi occupate solo di risolvere lo scandalo della pace nel mondo dalla mattina alla sera?
Fa bene l'Amati a seguire anche queste battaglie.




logoEV