Festival Organistico: in viaggio per il mondo della musica con l’Organo del Portone

chiesa del portone 3' di lettura Senigallia 06/08/2013 - Il Festival Organistico “Città di Senigallia” torna nella sua sede principale, che aveva lasciato per una breve ma intensa tournee la scorsa settimana: prima nella Chiesa d Santa Maria Assunta di Senigallia, detta dei Cancelli e poi nella a Serra de’ Conti nella Chiesa di Santa Maria de’ Abbatissis.

Al Portone è ancora vivo il ricordo dello stupendo concerto del maestro russo Daniel Zaretsky. Giovedì 8 agosto gli risponderà la freschezza del giovane ventiseienne Alberto Barbetta, vincitore di numerosi premi organistici fra cui il 1° premio al Concorso Organistico di Napoli, il Prix du Président “Musique et Orgue” al concorso internazionale di Saint-Pierre-lès- Nemours (Francia) e il primo premio al concorso nazionale “C. Guglielmo Bianchi” di Varzi.

Vista la giovane età, il curriculum di Alberto Barbetta, che è nato nel 1987, è ricco soprattutto di studi: è diplomato in Organo e Composizione organistica con lode presso il Conservatorio di Vicenza, è diplomato con il massimo dei voti in Clavicembalo, si è laureato con lode in Musicologia presso l’università Ca’ Foscari di Venezia. Ha frequentato corsi di perfezionamento in Italia ed all’estero e attualmente frequenta il Cycle de spécialisation en orgue con Christophe Mantoux dopo aver seguito un corso di perfezionamento allo stesso Conservatorio di Strasburgo con Aude Heurtematte.

La direttrice artistica del Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia”, Federica Iannella, ha fatto parte della giuria del Concorso di Napoli 2013 in cui Barbetta ha vinto il 1° premio. Dopo averlo sentito in quell’occasione Iannella ha voluto assolutamente regalare un suo concerto al crescente interesse del pubblico che si ritrova a Senigallia e al responsabile del progetto don Giancarlo Giuliani.

Il programma proposto per la serata della Chiesa di Santa Maria della Neve detta del Portone è amplissimo. Una carrellata nei secoli. Se si sottrae la data di morte di Jean Alain, 1940, che è l’ultimo compositore in programma e la data di nascita di Nicolaus de Grigny, 1672,che aprirà l’esibizione, si percorrono 268 anni di vita di grandi musicisti diversi.

E’ giusto così. Il giovane interprete esplorerà insieme ai presenti le numerose tranche dei possibili repertori. In questo mese di agosto si potrà viaggiare anche restando seduti su una panca di una chiesa, seguendo il viaggio per il vasto Mondo proposto dal ventiseienne vicentino, prima di accasarsi musicalmente.

Programma Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia”

G iovedì 08 agosto 2013,Senigallia

Chiesa di Santa Maria della Neve - Portone

Organo Alberto Barbetta

vincitore I premio Concorso di Napoli 2013

Nicolaus de Grigny (1672-1703)

Dalla messa del “Livre d’Orgue”

Kyrie en taille à 5 - Fugue à 5 - Cromorne en taille à 2 parties -

Trio en dialogue - Dialogue sur les grands jeux

Johann Sebastian Bach (1685-1750)

Fantasia e fuga in do BWV 537

Corale “Schmücke Dich, o liebe Seele” BWV 654

Preludio e fuga in Sol BWV 541

Felix Mendelssohn Bartholdy (1809-1847)

Dalla sonata n° 4 op. 65

Allegretto

Robert Schumann (1810-1856)

Studio in forma di canone n° 5 op. 56

Schizzo n° 3 op. 58

Jean Alain (1911-1940)

Litanies






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2013 alle 16:48 sul giornale del 07 agosto 2013 - 640 letture

In questo articolo si parla di attualità, Festival Organistico Internazionale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/QnB





logoEV
logoEV