Via Cellini: strisce pedonali pericolose, la denuncia di un lettore

via cellini senigallia 1' di lettura Senigallia 29/07/2013 - Un lettore di Vivere Senigallia ci invia la seguente segnalazione in merito ad alcune criticità che riguardano via Cellini. Di seguito la lettera.

Mi riferisco al passaggio pedonale di Via Cellini, in prossimità della Scuola Mercantini. Il problema sta nel non mancato rispetto del passaggio pedonale da parte degli autisti indisciplinati che, nonostante i pedoni presenti sulle strisce, aumentano addirittura la loro velocità, a mo di sky jump, mentre altri, a dispetto di chi si ferma, azzardano il sorpasso da dietro sfiorando i pedoni.

Durante il periodo invernale, all'ingresso e all'uscita da scuola presenzia la polizia municipale, ma durante il resto della giornata e durante il resto dell'anno, specie d'estate, gli automobilisti fanno a gara a chi passa piu' veloce o addirittura per primo, fino a quando non si sfiorerà una tragedia.



Diverse potrebbero essere le soluzioni da parte del Comune:
- un semaforo all'incrocio tra via Cellini e Via Pasubio
- un semaforo a chiamata per i pedoni che vorrebbero attraversare in sicurezza via Cellini da parte a parte.






Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2013 alle 17:33 sul giornale del 30 luglio 2013 - 3694 letture

In questo articolo si parla di via cellini, un lettore di Vs

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/P37


Non capisco perchè ci si ostina a non apporre delle barriere artificiali e non mi riferisco a quei dossi di plastica che servono solo a far rumore ma veri e propri dossi in cemento alti circa il doppio di quelli di plastica e larghi circa 1 metro, così come adottati da altri paesi da tempo.
Con tali accorgimenti se non rallenti la macchina la rompi tutta e forse non riuscirà ad evitare una tragedia in caso di automobilisti spericolati ma almeno qualcuno ci penserà due volte a passare a 100 all'ora sopra tali dossi.

Silvia

30 luglio, 06:10
anche nella zona Ponterosso c'è un malfunzionamento: se tu arrivi con la macchina dalla via che è il prolungamento dei viale dei Pini , mi sfugge il nome e vai verso il semaforo al centro dell'incrocio ( cioè fai la semicurva a sinistra), quando a te che sei lì in quel semaforo arriva il verde, il verde scatta anche per i pedoni che arrivano o vanno dal o al mare......passo io o tu e lì in mezzo alla strada si crea un piccolo ingorgo !!!

Paola Martinelli

30 luglio, 07:45
Constato ogni giorno ciò che dice wese, ma se un paese ha bisogno solo di barriere per far rispettare le regole, allora non è un paese maturo;in Germania puoi attraversare sulle strisce pedonali anche ad occhi chiusi!
1° tornare ad insegnare le regole
2°Multare chi si comporta male (non ho mai visto un vigile addetto a questo tipo di controllo, mentre molti sono per le strade a fare multe per divieto di sosta)
3°Ridipingere tutti gli attraversamenti pedonali, ormai ridotti ad un ricordo di vernice

David Stirling

30 luglio, 09:04
Segnalo strisce pericolose per i motociclisti in Piazza Diaz, direzione nord-sud. Sdrucciolevoli. Pieghi e rischi di sdraiarti a terra.

Abito in quella via, anche se quella parte non la frequento poi molto.
Di certo la "sfortuna" di quelle strisce è di trovarsi a poca distanza da un incrocio in salita in cui spesso la gente è incolonnata e tenta di inserirsi nei "buchi" di traffico che arriva dall'incrocio dell'ospedale.
Probabilmente, come tutti sperano, se la complanare funzionasse nella sua interezza ci sarebbe una riduzione significativa del traffico: ma prima che succeda qualcosa, come suggerisce chi scrive il comunicato, forse l'unica cosa sarebbe fare un dosso largo quanto la zona zebrata + un congruo margine, e non lo farei troppo alto perchè, per quanto possa "solleticare" l'idea dei danni alle auto che vanno troppo veloci, finirebbero per essere danni a carico del Comune.
E poi, per come è messa quella strada, correrci mi pare già un rischio per gli automobilisti: ma tant'è.

Penso che la soluzione di wese, il dosso artificiale, sia l'unica efficace e realizzabile. Costa poco e si fa in fretta. Educare la gente richiede generazioni, asfaltare via Cellini lo faranno solo dopo che avranno costruito tutta la collina.

Kit Utente Vip

30 luglio, 21:27
Io invece segnalo la mancanza assoluta di segnaletica stradale in via del camposanto vecchio, dopo il parcheggio, dove non ci sono ne strisce a terra bianche ne il segnale di stop per chi scende dalla strada dove è stato costruito il nuovo ponte.Aspettiamo anche qui qualche frontale, specie adesso che via Po' è a senso unico pr chi scende e che sale deve passare per forza da via del camposanto vecchio, per poi riprendere via po' passando da via cupetta.




logoEV