Caos sanità: al Pronto Soccorso le attese superano anche le dieci ore

Ospedale di Senigallia 1' di lettura Senigallia 23/07/2013 - A poco più di un mese dal Consiglio Grande incentrato proprio sul tema delle preoccupazioni per il futuro dell'ospedale e della sanità senigalliese, la situazione non sembra cambiata.

Il direttore dell’Asur Piero Ciccarelli e l’assessore regionale alla sanità Almerino Mezzolani non hanno dato dato risposte rassicuranti e definitive, limitandosi, in quella sede, a spiegare il taglio dei posti letto e l'organizzazione verso cui tende l'area vasta. Parole che non hanno rassicurato gli amministratori locali né tanto meno i cittadini che in questi giorni più che mai sono alle prese con i disservizi.

Come ogni estate, a causa della carenza di personale sommata alla turnazione delle ferie, si fa sentire la “calca” al Pronto Soccorso. Nella sola giornata di sabato i tempi di attesa per codici non urgenti viaggiava tra le 8 e le 10 ore. In reparto c'era un solo medico che doveva rispondere a praticamente tutte le richieste. La carenza di personale aggiunta al fatto che in estate Senigallia raddoppia la popolazione provoca di fatto un caos generale. Ma non solo. Sembra ormai certo che il primario di cardiologia a Senigallia non sarà più nominato, avendo l'area vasta già optato per le nomine dei primari a Jesi e Fabriano. Quest'anno inoltre è stata tagliata anche la dialisi estiva per i turisti.

In Consiglio Comunale oggi verrà discusso anche l’ordine del giorno presentato dai consiglieri Perini, Monachesi, Sardella, Brucchini, Girolametti sulla “Riorganizzazione del sistema socio sanitario Marche”.






Questo è un articolo pubblicato il 23-07-2013 alle 23:30 sul giornale del 24 luglio 2013 - 2053 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, giulia mancinelli, ospedale, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/PNQ


Tarcisio Torreggiani

24 luglio, 20:37
E cosa Vi aspettavate?

Mangialardi ha condiviso tutti i programmi della Regione e Lui sa molto bene come andremo a finire.

Viva la Regione e Viva Spacca e Viva Il P.D.




logoEV