Partita la sosta alla Sacelit: due euro per un giorno

Area ex Sacelit Italcementi Senigallia 03/07/2013 - Al via la sosta alla Sacelit. Anche se il cantiere che dovrebbe portare alla nascita del borgo Le Torri è bloccato, il Comune approfitta per sfruttare al massimo ogni spazio pubblico dell'area.

La Fortezza srl, proprietaria dell'area Sacelit, si è detta infatti disponibile a cedere in comodato d’uso gratuito una parte dell’area al Comune in comodato d'uso gratuito per un periodo di tempo compreso tra il 21 giugno e il 16 settembre 2013. Grazie a questo accordo il Comune utilizzerà quell'area come parcheggio pubblico, anche se a pagamento. Una posizione ritenuta dal comune strategica, perchè sia di accesso diretto al lungomare Mameli, ma comoda anche per raggiungere il lungomare Marconi.

“Utilizzare quell'area per la sosta è una risposta alla domanda di parcheggi che interessa tutto il polo compreso verso l’arenile, le attività commerciali, i pubblici esercizi e le altre attività turistiche presenti nella zona -spiega il sindaco Maurizio Mangialardi- inoltre avevamo anche l’esigenza di garantire la rotazione della sosta per evitare che spazi destinati allo stazionamento dei veicoli in zone pregiate del territorio siano sottratte all’utilizzo ottimale da parte degli utenti stessi”.

La sosta a pagamento, partita proprio in questi giorni, resterà in vigore fino al 31 agosto e il nuovo parcheggio sarà sottoposto a tutti i controlli da parte della Polizia Municipale, al pari delle altre strisce blu cittadine. La sosta sarà in vigore dalle 8 alle 20, di tutti i giorni, festivi compresi, proprio come avviene sul resto del lungomare. Cambia però la tariffa. Il parcheggio alla Sacelit è decisamente più conveniente.

Il Comune ha infatti previsto una tariffa unica di due euro per tutta la giornata. A gestire il parcheggio è una delle Cooperative sociali convenzionate con il Comune. Il pagamento della sosta, infatti, è possibile esclusivamente mediante l’acquisto dei ticket venduti dagli operatori presenti sul posto, ticket che dovranno essere sempre esposti in maniera ben visibile sul parabrezza dell’auto per tutta la durata della sosta. Ovviamente i tagliandi rilasciati dai parcometri, i ticket “gratta & sosta”, gli abbonamenti ed i vari permessi distribuiti dalla Polizia Municipale ed utilizzati per la sosta a pagamento nelle aree del centro storico, dei lungomare e dello stadio non possano essere utilizzati per il parcheggio della Sacelit.





Questo è un articolo pubblicato il 03-07-2013 alle 23:58 sul giornale del 04 luglio 2013 - 3286 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, parcheggio, italcementi, area ex sacelit, borgo delle torri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/O2K


Ma la ciminiera come sta? Non si doveva aspettare il 20 luglio per il resaturo? L'hanno restaurata? Se ne può sapere qualhe cosa?

Luigi Alberto Weiss

04 luglio, 08:31
Dal sindaco ciuffettone i senigalliesi vorrebbero sapere: c'era bisogno di spendere tutti quei soldi (e mettere a rischio una banca) per avere un parcheggio del genere? A proposito: il sottopasso di via Mamiani per arrivare dal maxiparcheggio al centro cittadino, a quella via Carducci tanto cara al sindaco ciuffettone?

Loro lo danno in uso gratuito, il comune.... Lo mette a disposizione dei cittadini... A pagamento! Che stile!
È notizia di pochi giorni che il comune abbia a disposizione un sacco di soldi " estorti " ai cittadini con sanzioni per infrazni al cds... Han messo parcheggi a pagamento persino in zona cesano davanti alla spiaggia dei " poretti" Ora anche questa! AVIDI.
E quel che è peggio le strade del territorio sono in stato a dir poco penoso almeno tutti sti soldi reinvestiteli lì.

Io capisco perfettamente il comune.

I parcheggi a pagamento garantiscono entrate certe con nessun lavoro.

In un paese normale i parcheggi sarebbero gratuito e i soldi verrebbero fatti con le multe.

Solo che in questo secondo caso bisognerebbe lavorare, fermare i trasgressori, contestare, beccarsi gli insulti, troppa fatica.

Meglio lasciare i teppisti liberi di agire e chiedere i soldi per i parcheggi, anche quelli polverosi su proprietà private.

Un'amministrazione europea, senz'altro.

p.s:
Speriamo, almeno, che gli accattoni non invadano anche sto parcheggio....

io sono per i parcheggi grautiti e il bikesharing !




logoEV