Poesie: 'T’voi ben', Maria Pia Marchetti festeggia tutte le mamme

mamma 1' di lettura Senigallia 12/05/2013 - Maria Pia Marchechetti celebra con questa poesia in dialetto senigalliese la Festa della Mamma.

O madr mia
com vuria pudè accarezzà
i capei tua bianch
la man mia saria più legera
d’‘na bava d’ vent.
Vuria pudè ancò stregn-t a me
com facevi sempr te
quant’er piculina.
Quant m’saria piaciut
restituì ‘n po,
d’ch’el amor infinit
ch’m’hai dunat.
Ma te, madr mia,
da tropp temp nun c’sei più
e manchi, me manchi ‘melpò.
Adè nun so’co’daria
pr’avett ancò un tantinin
machì vicin a me.
M’ manch-n i surrisi tua,
m’manch-n l’carezz ch’m’facevi,
m’manch-n anch nostr scagnarat,
eri più severa più d’un general
e io tignosa con tutt i fioj.
Ma’pr’me eri ch’el port sigur
‘ndò m’pudev riparà
durant l’ tempest d-la vita.
Sol adè ch’ anch’io so madr
capisc quant ‘è immens l’amor
d’un g-nitor pel fiol.
Più j anni pass-n e più m’ manchi
e ogg ch’è la festa d-la mamma
pr’ fatt i auguri
e mandat ‘n abbracc t’digh :
“T vojo ben‘na mucchia mamma
dovunque te sei!”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2013 alle 23:09 sul giornale del 13 maggio 2013 - 6299 letture

In questo articolo si parla di cultura, michele pinto, poesie, mamma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/MRS

Leggi gli altri articoli della rubrica poesie