Arcevia: continua la battaglia per la difesa della Potes

Andrea Bomprezzi 1' di lettura 30/04/2013 - Ad Arcevia continua la battaglia a difesa della postazione 118. Martedì sera, nel corso del Consiglio Comunale l'intera assise ha appoggiato il documento nel quale sono stati elencati i motivi per cui “sarebbe folle e irresponsabile togliere la postazione 118 di Arcevia”.

Una documentazione che sarà inviata alla Commissione regionale e al Direttore generale dell'Asur Piero Ciccarelli che lunedì decideranno il piano sanitario regionale. “La battaglia va avanti fino a che non saremo sicuri che la postazione 118 è garantita con il medico a bordo 24 ore su 24. Non si può trovare la scusa del numero di interventi basso (50 codici rossi) se non c'è il medico- sottolinea il sindaco Andrea Bomprezzi- Arcevia con la Casa della Salute è sempre citata come modello di buona saute. Ora vogliono privarla del 118. E' assurdo”.

Una soppressione che penalizza l'intero territorio senigalliese. “L'ipotesi di mantenere solo Sassoferrato e Senigallia penalizza la vallata del Misa ma anche Senigallia che ha un vasto territorio e, in caso di intervento a Arcevia o nell'entroterra, resta senza ambulanza del 118- conclude- Per questo il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e i colleghi delle zone limitrofe mi hanno inviato un documento di sostegno alla battaglia per la difesa della postazione”.

In caso contrario il primo cittadino di Arcevia, e tutto il consiglio comunale compatto, si dice pronto a procedere con la battaglia nei propri ruoli. Non è escluso che si muoveranno anche i cittadini.

I video del Consiglio Comunale del 30 aprile.








Questo è un articolo pubblicato il 30-04-2013 alle 23:59 sul giornale del 02 maggio 2013 - 913 letture

In questo articolo si parla di arcevia, politica, andrea bomprezzi, Sudani Alice Scarpini, potes

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Mqc





logoEV