Ppe-Pdl: 'Vivi Senigallia non è più una realtà politica autonoma ma la mera appendice del PD'

Enrico Rimini, Gabriele Cameruccio, Alessandro Cicconi Massi, Alessandro Mazzarini 2' di lettura Senigallia 01/03/2013 - Vivi Senigallia si vergogna addirittura di quello che scrive, tanto da non poter nemmeno indicare il nome dell’autore del insulso comunicato stampa apparso su Vivere Senigallia nei giorni scorsi in cui in maniera scomposta replica alle analisi fatte dal consigliere Cicconi Massi dopo le elezioni politiche nazionali.

Non si dovrebbe nemmeno replicare ad un proclama anonimo apparso sulla stampa, ma non possiamo tacere davanti a tali parole. Ormai è chiaro a tutti: Vivi Senigallia non è più una realtà politica autonoma e strutturata (sempre che lo sia mai stata), ma nei fatti oggi è la mera appendice del Partito Democratico nella nostra città.

Nata come la terza gamba della coalizione Mangialardi, votata come pilastro moderato, civico e non partitico della coalizione, espressione di un voto più orientato al centro-destra, che al tradizionale elettorato di sinistra, oggi Vivi Senigallia, sedicente lista civica, è trasformata in una piccola sezione del PD. Quali importanti proposta politiche sono arrivate da questa realtà civica? Quali idee mirabolanti per il rilancio della città? Quale reale atteggiamento civico?

Nulla di tutto ciò. Solo un sempre più marcato appiattimento sulle posizioni del PD e quel che è peggio di SEL, che seppur con pochissimi voti, rappresenta oggi l’azionista, con la “golden share” all’interno della giunta vantando i due assessorati chiave per la gestione della città: Urbanistica e Bilancio, cioè il governo reale del territorio ed i cordoni della borsa. Ed oggi li vorremmo vedere i consiglieri di Vivi Senigallia pronti ad abbracciare le tesi del Movimento 5 Stelle, dopo le ultime strabilianti aperture del Sindaco Mangialardi, autoproclamatosi grillino ante litteram.

Sempre più in alto, diceva un vecchio slogan pubblicitario…sempre più a sinistra, sarà il prossimo slogan di Vivi Senigallia per questa nuova fase politica. Vorremmo ricordare agli anonimi di Vivi Senigallia che il loro tanto fondamentale 8% di voti raccolti nel 2010, oggi non sarebbero così fondamentali per la vittoria del sindaco.

L’ultimo pensiero di affetto all’amico Mario Fiore: l’unico che dentro quel gruppo può ancora dirsi coerentemente civico e moderato: Mario lascia le brutte compagnie, tanto loro non ti vogliono nemmeno e torna ad essere vera espressione di civismo ed autonomia.

Alessandro Cicconi Massi
Gabriele Cameruccio
Enrico Rimini
Alessandro Mazzarini






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2013 alle 13:38 sul giornale del 02 marzo 2013 - 1342 letture

In questo articolo si parla di alessandro cicconi massi, gabriele cameruccio, enrico rimini, politica, senigallia, alessandro mazzarini, Gruppo Consiliare ppe – pdl, ppe-pdl senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/J6W


Luigi Alberto Weiss

03 marzo, 10:03
Conosco ancora poco di cose d'Italia e Senigallia, ma molti sapevano di Vivi Senigallia lista civica come Pd. Anzi io avevo conosciuto anche chi si era messo a fare per la lista, esperimento per un'altra parte dove ha vinto. Allora anche Ppe-Pdl dovrebbe sapere come allora e non solo di adesso.
Luigi Alberto Weiss




logoEV
logoEV