Rebecchini appoggia la Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia

Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia 4' di lettura Senigallia 02/01/2013 - Luigi Rebecchini, consigliere comunale eletto nella lista di Rifondazione Comunista ha formalizzato il suo appoggio alla lista "Rivoluzione Civile" del magistrato Antonio Ingroia. Rebecchini, pur non candidato seguirà la campagna elettorale di Ingroia sia a Senigallia che in Calabria.

L’accusa apparentemente bonaria che oggi si rivolge ad Antonio Ingroia è quella che il magistrato Ingroia avrebbe fatto bene per contrastare la mafia a rimanere al suo posto. Quando questa accusa viene promossa furbescamente e con interesse da certi personaggi legati al mondo mafioso, non mi meraviglio. Mi meraviglio e mi preoccupo quando la stessa accusa viene ripetuta ingenuamente da coloro i quali riconoscono grandi capacità al magistrato.

Come si fa a non capire che la lotta (o non lotta) alle mafie si conduce in primo luogo nelle stanze della politica romana: un magistrato, anche se bravo, può incidere nel contrasto alla mafia solo su determinate e circoscritte azioni processuali , pur se ampie e importanti. E’ principalmente la buona politica di un governo che può rompere quell’intreccio esistente tra le mafie e un certo potere politico (e non solo), è solo la buona politica che può riuscire a mettere in campo volontà e azioni chiare contro il dominio delle mafie. Antonio Ingroia questo lo sa molto bene e con il suo nuovo impegno vuole andare oltre i “limiti processuali” per iniziare una incisiva battaglia per debellare le mafie. Non mi pare questo obiettivo cosa da poco, anzi lo considero rivoluzionario.

Oggi l’ Italia è un paese devastato da corruzione e mafie, purtroppo, si sottovaluta questa emergenza e non si vuole vedere e capire che le mafie, e soprattutto alcune, sono diventate più forti e oltre ad occupare ogni centimetro quadrato del territorio di alcune regioni italiane , si stanno estendendo pericolosamente nelle altre regioni. Tutto avviene in modo “silenzioso” e “indolore”: colletti bianchi, aggirando facilmente ogni documento antimafia, acquisiscono attività economiche che spaziano dall’industria, al commercio, al settore turistico. E’ il primo passo dell’ inserimento mafioso o ‘ndranghetista.

Capite bene, allora, che l’estensione di questo cancro dimostra praticamente il fallimento delle politiche antimafie fino ad oggi seguite, nonostante l’impegno e il sangue versato da validi magistrati e forze dell’ordine. Non si possono combattere mafia, ‘ndrangheta e camorra solo aggredendo qua e là delle metastasi, bisogna cercare di andare al cuore del problema e rendere impossibile che interessi economici- finanziari mafiosi crescano e si sviluppino. Moltissimo dipende dalla volontà politica e dalle azioni conseguenti che un governo può decidere e mettere in campo.

Il secondo importante motivo, intimamente legato al primo, per il mio sostegno ad Ingroia, è la sua determinazione a voler liberare l’Italia dalla sudditanza al liberismo. Ingroia fa proprie le proposte di alcuni importanti studiosi ed economisti come Emiliano Brancaccio, Luciano Gallino, Luciano Canfora. Se non si opera in economia in modo nuovo, liberandoci dalla speculazione finanziaria e bancaria e abbandonando nei confronti dell’Europa ogni atteggiamento fideistico, acritico e fatto prevalentemente di retorica, ogni manovra di sacrifici sarà sempre insufficiente e ce ne proporranno inutilmente un’altra e poi ancora un’altra. E’ necessario rompere con le politiche liberiste europee rilanciando una seria politica del pubblico e dell’eguaglianza con un forte controllo democratico sull’economia. Diventa, allora, essenziale la lotta a mafie e corruzione, tenendo anche presente che il liberismo si è alimentato e giustificato proprio con il corrompimento della classe politica e varie inefficienze.

Mi bastano queste due “sole” motivazione per appoggiare convintamente la Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia, non sono un candidato, farò campagna elettorale con spirito di servizio e, a mie spese, ho deciso di dividere l’impegno personale tra Senigallia e la Calabria (regione a cui sono legato), metterò a disposizione la mia energia assieme a tanti altri, consapevole che se Antonio Ingroia dovesse essere sconfitto e rimanere fuori dalla porta, sarebbe la vittoria definitiva dello Stato-Mafia. Spero di poter lavorare assieme a tanti altri perché la Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia possa invece avere successo e aprire un possibile futuro mondo nuovo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-01-2013 alle 00:27 sul giornale del 02 gennaio 2013 - 2184 letture

In questo articolo si parla di luigi rebecchini, politica, prc, Antonio Ingroia, rivoluzione civile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HNK