Primarie PD. Lodolini: '3825 grazie!'

emanuele lodolini 2' di lettura Senigallia 01/01/2013 - Voglio prima di tutto ringraziare le volontarie ed i volontari e i segretari di circolo e delle unioni comunali che hanno passato le giornate di Festività ad organizzare le Primarie per i parlamentari del PD.

Ringrazio, per il Partito provinciale, il vice Segretario Francesco Rossetti, l’organizzatore Loris Bernacchia, Roberto Piccinini e Maurizio Fini rispettivamente Tesoriere e Presidente dell’Assemblea, che hanno adempiuto al meglio le funzioni riconducibili agli aspetti politici e organizzativi per lo svolgimento delle Primarie, essendo io candidato.

Va ai volontari prima di tutto il merito di un’altra bella giornata per la democrazia italiana, che ci ha rafforzati in vista della imminente prova delle elezioni politiche. Ringrazio tutti i cittadini che hanno votato, tutti i candidati e i loro sostenitori che hanno contribuito a questo bellissimo risultato. Abbiamo fatto primarie in un clima di unità e solidarietà e ora, tutti insieme, affronteremo più forti la sfida delle elezioni politiche. Infine ringrazio di cuore i tantissimi democratici che hanno creduto alla mia candidatura e l’hanno sostenuta con una passione ed una forza che mi hanno realmente commosso.

Il risultato straordinario che ho avuto mi riempie prima di tutto di responsabilità e mi sento impegnato con tutte le mie energie per esserne all’altezza, come sempre con umiltà, dedizione, passione. Intendo rafforzare ulteriormente quel rapporto stretto con il territorio che mi ha sempre contraddistinto e che sono convinto debba rappresentare oggi la prima caratteristica di un dirigente politico all’altezza del compito: essere al servizio del territorio e della comunità che in esso abita.

Continuerò a sostenere nel centrosinistra e nell’impegno elettorale ed istituzionale quello che ritengo debba essere il cuore di un progetto di governo del Paese: uguaglianza, moralità, lavoro. Per un rinnovato patto con le forze dell’economia reale in una moderna alleanza fra lavoro e impresa, puntare sulla qualità dell’innovazione, sulla green e blu economy, sull’economia della conoscenza, sulle medie imprese che hanno una proiezione internazionale. Si devono usare gli strumenti fiscali e le leve della ricerca e della bellezza che caratterizza il nostro territorio, intesa come patrimonio artistico, paesaggistico, ambientale e culturale per aiutare chi crea lavoro e chi scommette sui prodotti nuovi, a più elevato valore. E ancora potenziare la scuola e investire risorse pubbliche per le infrastrutture comprese quelle tecnologiche. Fare questo significa ragionare concretamente attorno a un nuovo modello di sviluppo per il futuro del Paese e del nostro territorio, continuando nella battaglia per il cambiamento contro privilegi, illegalità diffuse, corruzione e malcostume. Il cammino è difficile ma il cambiamento è possibile e necessario.

Adesso avanti tutti insieme per vincere la battaglia vera, quella del 24 febbraio, e per il Governo del Cambiamento.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-01-2013 alle 16:38 sul giornale del 02 gennaio 2013 - 1681 letture

In questo articolo si parla di emanuele lodolini, falconara, politica, partito democratico, pd, primarie

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HMJ


Rosario Licandro

02 gennaio, 13:49
Avanti così. Grillo ringrazia!

roberto

02 gennaio, 15:00
buon lavoro emenaule, ci servono persone serie, oneste e votate all'interesse pubblico!

3825 voti, esagerato e maschilita!
Un po' di voti alla notra osimana potevano essere .......
ci si poteva accontentare lo stesso.




logoEV